Giulia Vassena: nuda su Mondospettacolo ricordando Paolo Tallarigo!

Salve a tutti, mi chiamo Giulia e vengo da Roma. Premetto che sono, prima di tutto, molto felice di apparire qui su Mondospettacolo e cercherò di parlare un pochino di me senza annoiarvi!

Principalmente sono una ragazza come tante con molte passioni: scrivo poesie da quando ero adolescente, continuo a farlo in diversi ambiti e seguo ancora la letteratura; adoro alla follia la musica e spesso viaggio anche al di fuori dell’Italia per seguire concerti; seguo il mondo videoludico e sono partecipe attiva soprattutto nell’ambiente dei videogiochi horror e indipendenti. A quest’ultima passione, che definirei viscerale (reputo il medium videoludico la forma d’arte e d’espressione completa) sto dedicando più tempo, visto che lavoro come redattore nel sito Cyberludus.com (se vi piace la tecnologia e questo mondo seguiteci, perché siamo fichissimi) dedicandomi alla stesura di recensioni e articoli vari e, ultimamente, sto anche studiando programmazione da autodidatta.

Ma come ha fatto una tipaccia del genere a ritrovarsi a fare la fotomodella?

Qualche anno fa cominciai a lavorare come modella per pittori. Mi sembrava qualcosa di bohémien, poetico e un po’ “vintage”: in un mondo oramai governato dalla fotografia e dall’immediatezza dell’immagine, vedevo il disegno dal vero come un’esperienza che usciva fuori dagli schemi in una maniera differente e unica. Ancora oggi ricordo con piacere le sessioni di posa dove, oltre ai crampi che mi venivano a forza di rimanere ferma immobile mi sono portata via anche un pochino di conoscenza dell’arte pittorica, la quale non ho mai veramente disdegnato, ma a cui sicuramente avevo sempre preferito la lettura di un Baudelaire o un Leopardi.

Capitò che feci da modella per un pittore che, nel frattempo, lavorava ogni tanto come assistente per il fotografo Paolo Tallarigo durante i suoi shooting. Io, ovviamente, sapevo poco e niente della fotografia glamour all’epoca e solo molto dopo venni a conoscenza dell’enorme carriera che il purtroppo scomparso Paolo Tallarigo aveva alle spalle come fotografo di Playmen.

Venni invitata da questo pittore/assistente a una cena con alcuni fotografi e, appunto, il buon Paolo, che mi notò e mi chiese se potevamo fare qualche scatto.

Dopo una piccola posa di prova per provare la fotogenia e la capacità di stare di fronte alla macchina, organizzammo lo shooting vero e proprio. Sto parlando di un paio di anni fa, quindi posso confermare di essere stata forse una delle ultime modelle a posare per lui. Al tempo Paolo aveva diminuito di molto il lavoro, complice la lenta morte delle riviste cartacee così come l’attuale declino del genere glamour di per se, ma collaborava ogni tanto con la rivista spagnola Interviù, celebre per i suoi servizi fotografici dedicati al genere.

Devo molto a quello shooting, che considero ancora la mia “nave-scuola”, se così si può dire. Mi ritengo una di quelle persone che di fronte alla macchina fotografica diviene proprio un altro individuo. Lo ammetto, nella vita di tutti giorni riesco a diventare timida a livelli patologici se non mi trovo a mio agio, …

Dopo aver lavorato con Paolo ho continuato a posare per diversi fotografi di Roma e altre parti d’Italia.

Gli ultimi tempi ho smesso di posare per il genere glamour perché vorrei crearmi una possibilità nella moda. Essendo una taglia 44 sono relegata in una zona grigia, un limbo a metà tra le mannequin pelle e ossa e le curvy morbide, ergo troppo grassa per una categoria e troppo magra per l’altra. Il mio parere è che tutte le misure delle donne dovrebbero essere rappresentate nella moda per poterne esaltare la diversità, la sensualità e la bellezza, senza dover stare sempre a contemplare i soliti, noiosissimi canoni estetici.

Ultimamente sto anche partecipando al concorso Miss Top Curvy organizzato dalla fantastica stilista Elisabetta Viccica. Lì ho conosciuto tantissime donne con corpi differenti tra loro che non hanno paura di mettersi in gioco e, semplicemente, vivere la vita col sorriso.

Spero di non avervi tediato troppo con tutte queste chiacchiere!

Stay tuned e un bacione a tutti.

Giulia Vassena