“Cercavo un’immagine elegante ma che potesse esprimere al meglio un concetto di oscurità e cattiveria”: ecco come è nata Krait!

Krait ha appena pubblicato il suo nuovo singolo, intitolato “Shed The Skin” e noi le abbiamo chiesto di raccontarsi.

– Da cosa nasce la tua idea di accostarti a un serpente così velenoso come il Krait?
Il Krait è un serpente notturno e il suo morso è indolore e letale. Cercavo un’immagine elegante ma che potesse esprimere al meglio un concetto di oscurità e “cattiveria”, caratteristiche di questo progetto. Inoltre, sono una fan dei film di Quentin Tarantino e ho preso spunto da Kill Bill in cui i personaggi principali avevano come nome in codice un nome di una particolare specie di serpente. L’idea mi è sempre piaciuta molto e quindi è stato uno spunto ulteriore per scegliere il nome di un serpente anche per me.

– Com’è nato “Shed The Skin” e soprattutto in che modo ci hai lavorato?
Inizialmente avevo solo in mente di voler avviare un progetto che potesse contenere insieme i mie due generi musicali preferiti, l’hip hop e il metal. Non sapevo quali sfaccettature avrebbe potuto prendere, ma ci tenevo a realizzare qualcosa di distintivo. Con Sheezah abbiamo in primis realizzato il beat unendo insieme i nostri gusti e stili. Volevamo qualcosa di cattivo ma che nello stesso tempo fosse elegante e distintivo. Poi, ho scritto la melodia e il testo.

– Il fatto di iniziare un progetto solista significa che cerchi qualcosa di diverso rispetto a quello che fai con i Deceit Machine?
Volevo un progetto più vicino al mondo hip-hop. Mi piace mettermi alla prova con stili differenti: anche con Deceit Machine stiamo sperimentando qualcosa di nuovo per noi. La differenza è che questo è un progetto hip-hop, quindi legato a un certo tipo di beat e che mi lascia un certo spazio alla voce, mentre Deceit Machine è un progetto metal che, anche se inserisce parti di elettronica o sezioni rap, è molto complesso nelle parti strumentali.

– Usciranno altri tuoi singoli o direttamente un Ep?
Di sicuro uscirà un altro singolo fra non molto, dopodiché chiuderemo il primo EP. Non vedo l’ora di pubblicare nuovo materiale.

Tags: