Checco Zalone disintegra Star Wars: record di 1 mln di spettatori a Capodanno!

Quo vado Zalone

Checco Zalone e “Quo Vado?” polverizzano qualsiasi record precedente al box office italiano.

Al di là di qualsiasi previsione della vigilia, il film prodotto dalla Tao 2 di Pietro Valsecchi e da Medusa, e diretto da Gennaro Nunziante, ha incassato nelle sole 24 ore del Capodanno, la stratosferica cifra di 6.857.044 euro, con ben 933.007 spettatori suddivisi in 1078 sale.

Quo vado 1

Checco Zalone in “Quo Vado?”

Come dichiarato dallo stesso Valsecchi, “mancando al dato definitivo 250 sale, il totale supererà i 7 milioni“. Tanto per rendersi conto dell’immane cifra incassata, il nuovo e pubblicizzatissimo “Star Wars – Il risveglio della forza” aveva raccolto nel primo giorno di programmazione “appena” 1 milione e 800 mila euro, “Quo Vado?” il quadruplo! E, proiettato già dopo la mezzanotte del 31 dicembre, tra le sale dei circuiti UCI e The Space Cinemas ha incassato ben 2 milioni con le sole proiezioni notturne, altro dato incredibile.

Quo vado 2

Lino Banfi con Zalone in “Quo Vado?”

Stracciato quindi ogni incasso, sia degli altri film dello stesso Zalone, sia di quelli che detenevano i record in Italia. Infatti le precedenti pellicole del comico barese avevano raccolto rispettivamente 2 milioni e 718 mila euro (Che bella giornata, 2011) e 2 milioni e 354 mila euro (Sole a catinelle, 2013), mentre sul podio del box office italiano del primo giorno di uscita c’erano “Harry Potter e i doni della morte – parte II” (3,2 milioni), “Spiderman” (2,8 milioni) e “Harry Potter e il Principe mezzosangue” (2,7 milioni), tutti scalati ormai di una posizione verso il basso.

“Harry Potter e i doni della morte – parte II”, precedente detentore del 1° posto

Il commento del produttore Valsecchi: “Quasi 7 milioni di euro di incasso nel primo giorno di programmazione è un dato incredibile che polverizza il record precedente di 3 milioni e mezzo. Anche a voler essere molto ottimisti nessuno avrebbe potuto immaginare una partenza così. Si tratta di una performance veramente unica che conferma l’eccezionalità di Checco Zalone nel panorama cinematografico italiano. Il 2016 si apre così per il nostro cinema con un’iniezione di fiducia di cui si sentiva davvero il bisogno: dovrebbe uscire un nuovo Zalone ogni anno per dare una spinta all’intero sistema del cinema italiano. Ora spero che a questo successo ne possano seguire altri per le nostre pellicole“.

Quo Vado 3

Zalone con in produttore Pietro Valsecchi

Lunedì 4 gennaio scriveremo che “Quo Vado?” avrà battuto i record del week-end e poi quelli della settimana. Con queste premesse i quasi 52 milioni di incasso finale di “Sole a catinelle” e addirittura i quasi 68 milioni di “Avatar” non sembrano più un miraggio, perciò l’interesse sui risultati si sposta sul lungo termine. Staremo a vedere, ma stavolta potrebbe davvero farcela.

 

Ivan Zingariello

 

Quo vado