Cinema e drink: Balto’s run, ispirato a Balto

La creatività nel mondo dei drink travalica qualsiasi confine geografico, mentale e tematico. Drink ispirati a un amore, a un’emozione, ma anche a un oggetto, ai luoghi del cuore e a un film amato.

Abbiamo chiesto ad alcuni dei migliori barman e barlady romani di individuare un proprio, personale, film del cuore cui ispirarsi. Ne sono scaturite decine e decine di drink, ispirati a filmografie delle più disparate, dai classici Via col vento ai neo-classici firmati Quentin Tarantino.

sdr

Con tanti registi anche italiani al centro dell’ispirazione, da Giuseppe Tornatore a Gabriele Mainetti, passando per David Lynch e il suo Mulholland drive, dai film romantici a Mad Max, passando per i cinecomic e il recente Avengers: Endgame.

Film che hanno ispirato l’uso di tutti gli ingredienti presenti nel mercato, ricette coniugate con cognac, tequila, whisky scozzese, irlandese, bourbon americani del Kentucky, vermouth piemontese, gin inglesi, romani e toscani, amari e bitter, ma anche vodka, ginger beer e liquore Strega, per una nuova ‘geografia cinematografica del bere di qualità’. Preparazioni semplici e meno semplici, da gustare nei loro ingredienti di qualità, ricette create ad hoc da barman e barlady cinefili per sperimentare sé stessi dietro il bancone con un occhio al Grande Cinema.

Oggi è la volta di Balto’s run, ispirato a Balto, il lungometraggio d’animazione diretto nel 1995 da Simon Wells.

BARMAN: Alessio Ciucci, bartender del Borgo La Chiaracia Resort & SPA, di Castel Giorgio (Terni)

INGREDIENTI:

5 cl Historiae Brandy Portegnac Pilzer
1 cl Amaro Venti
3 cl succo di limone
3 cl succo di arancia
4 cl miele di eucalipto diluito (5:1)
1 pezzo zenzero
1 goccia tabasco
mezzo bar spoon curcuma
profumo al pino mugo

Bicchiere: Cortina da 16 cl.

Garnish: scorza di limone e scorza d’arancia tenute alle due estremità, che si toccano in fondo al bicchiere

PREPARAZIONE:

Diluire il miele con acqua calda in proporzione 5 (miele) a 1 (acqua) e poi raffreddarlo. Con la tecnica dello shake and strain, versare tutti gli ingredienti con del ghiaccio nel Boston Shaker e agitare. Filtrare il tutto e versarlo in un sifone Twist’n Sparkle per la soda con una cartuccia di CO2. Appena ultimato il processo, versare nel bicchiere Cortina da 16 cl.

ISPIRAZIONE:

Il drink è una variante del “Penicillin’, che presenta parti agrumate dolci acide, una parte balsamica e contrasti che rappresentano sogni, paure, speranze e dolori racchiusi nella storia di un viaggio di un eroe che ha salvato diverse decine di persone; un viaggio pieno di speranza, paura, ansia e voglia di superare ogni ostacolo. Il tutto con due prodotti italiani di eccellenza, distribuiti da Rinaldi 1957: l’Historiae Brandy Portegnac Pilzer prodotto in Val di Cembra e invecchiato 13 anni e l’Amaro Venti, l’unico amaro realizzato solamente con venti botaniche raccolte in Italia, ciascuna ispirata da una delle 20 regioni italiane. Visto il periodo certamente non facile, con questo drink il barman Alessio Ciucci racconta e omaggia le persone che, con coraggio, affrontano tutte le difficoltà a testa alta, con le maniche rimboccate. Proprio come Balto, il cane-lupo orfano protagonista del film d’animazione prodotto dalla Amblimation, dall’animo generoso, coraggioso, gentile e altruista.