Cinema e drink: Spring Tonic ispirato a The mask – Da zero a mito

La creatività nel mondo dei drink travalica qualsiasi confine geografico, mentale e tematico. Drink ispirati a un amore, a un’emozione, ma anche a un oggetto, ai luoghi del cuore e a un film amato.

Abbiamo chiesto ad alcuni dei migliori barman e barlady romani di individuare un proprio, personale, film del cuore cui ispirarsi. Ne sono scaturite decine e decine di drink, ispirati a filmografie delle più disparate, dai classici Via col vento ai neo-classici firmati Quentin Tarantino.

Con tanti registi anche italiani al centro dell’ispirazione, da Giuseppe Tornatore a Gabriele Mainetti, passando per David Lynch e il suo Mulholland drive, dai film romantici a Mad Max, passando per i cinecomic e il recente Avengers: Endgame.

Film che hanno ispirato l’uso di tutti gli ingredienti presenti nel mercato, ricette coniugate con cognac, tequila, whisky scozzese, irlandese, bourbon americani del Kentucky, vermouth piemontese, gin inglesi, romani e toscani, amari e bitter, ma anche vodka, ginger beer e liquore Strega, per una nuova ‘geografia cinematografica del bere di qualità’. Preparazioni semplici e meno semplici, da gustare nei loro ingredienti di qualità, ricette create ad hoc da barman e barlady cinefili per sperimentare sé stessi dietro il bancone con un occhio al Grande Cinema.

Oggi è la volta di Spring Tonic, ispirato a The mask – Da zero a mito con Jim Carrey.

BARMAN: Jonathan Bergamasco

INGREDIENTI:
6 cl Gin Ginepraio infuso con il Butterfly Pea Flower tea e sciroppo di rose
1,5 cl succo di limone fresco
Top di acqua tonica
Vaporizzazione di lavanda

Bicchiere: Collins
Garnish: fiore edule o lime disidratato

PREPARAZIONE:
Mettere in infusione per dieci minuti i boccioli del butterfly tea (ne bastano pochi per avere subito un buon risultato) nel gin toscano Ginepraio, con l’aggiunta di uno sciroppo alle rose. Raffreddare il bicchiere Collins e versare prima il gin infuso, quindi il limone fresco e quasi in contemporanea l’acqua tonica. Il colore del drink da blu diventerà, miscelandosi, rosa/viola, grazie al naturale cambiamento del PH degli ingredienti. In seguito si valorizza con un profumo di lavanda o di rose.

ISPIRAZIONE:
Stanley Ipkiss, anonimo impiegato di banca, trova un’antica maschera che, una volta indossata, lo trasforma in un vero e proprio cartone animato con la faccia verde, denti enormi e infiniti superpoteri. Spring tonic è nato così, dalla scoperta di un fiore asiatico che, lasciato in infusione anche per pochissimo tempo, stupisce, rilasciando una colorazione naturale blu, dal profumo floreale e il gusto delicato. Un te/fiore che, come la famosa maschera di The Mask – Da zero a mito, ha il super-potere di cambiare colore all’interno del bicchiere per dare vita ad un gin tonic “coinvolgente” nell’esecuzione, divertente per i clienti e colorato come la primavera.