Conosciamo meglio Gionathan

Chi è Gionathan?

Gionathan è un uomo, un marito, un papà, un artista che ama creare cose che facciamo stare bene lui e gli altri, in particolare musica. Gionathan è anche una persona curiosa e intraprendente, un po’ per queste sue caratteristiche, un po’ per necessità, nel corso del tempo ha sviluppato tutta una serie di skills che lo hanno portato ad imparare ad essere non solo un cantante e un autore, ma anche un videomaker, un producer, un fonico, un organizzatore di eventi…

 

In quanto tempo hai composto “Paprika”?

“Paprika” è nata in due fasi, una di produzione musicale fatta insieme al producer Rocco Kredo, altra metà dei GroovHertz e una successiva di scrittura del testo e della melodia con la collaborazione di Stefania Piovesan (vocalist storica di Gabry Ponte e autrice), più una terza di rifinitura del lavoro che ho curato maggiormente io. La prima fase è avvenuta molto prima delle altre due ma tutte sono state tutte e tre piuttosto rapide e spontanee. Tutto sommato si è trattato complessivamente di un paio di giornate di lavoro per la composizione, mentre la rifinitura ha richiesto molto più tempo. Sarà stato anche grazie alla bella squadra che abbiamo creato insieme, ma rispetto ai miei tempi di produzione usuali, con “Paprika” siamo stati più veloci.

 

E’ stata dichiarata la fine dell’emergenza sanitaria: quali effetti ha/avrà la pandemia sulla musica?

Mi piacerebbe rispondere “nessuno” ma purtroppo non è così. I due anni di stop dei live sembramo essere stati il colpo più duro inflitto alla musica dalla nascita di Napster e dell’mp3; ora, grazie a Dio, si sta reagendo con una voglia di concerti e festival pazzesca da parte del pubblico e questo è bello, bellissimo. È innegabile che questa pandemia abbia portato dei cambiamenti non positivi nella nostra società, o più probabilmente è stata usata per portarli, e la musica, naturalmente, ne risente come tutto il resto, anzi di più.

 

Che novità musicali porta il futuro?

Beh, visto il fermento che è facile scovare nella musica emergente italiana e non, credo che le novità musicali del prossimo futuro in generale saranno positive.

Nel mio caso ciò che vorrei per i prosdomi mesi è andare in tour in Italia e all’estero il più possibile a suonare “Anima Libera”, il mio disco nuovo. Abbiamo alcune belle date in calendario durante l’estate ed altre sono in arrivo a seguire.

Sotto il profilo uscite ho parecchia musica nuova da pubblicare prossimamente, nell’ultimo periodo ho realizzato molte collaborazioni e duetti con altri artisti che aspettano di uscire… Spero che tutto questo materiale possa presto essere suonato su qualche network e ascoltato dal grande pubblico.