Dopo l’approdo su Netflix, arriva in blu-ray Annientamento con Natalie Portman

Come è risaputo, il genere sci-fi non si è mai lasciata sfuggire l’occasione di raccontare realtà attuali tramite opere futuristiche, narrate magari da esperti del settore in possesso del giusto tocco capace di miscelare presente e probabili anni a venire.

Uno di essi è, di sicuro, lo scrittore Alex Garland, autore di romanzi come L’ultima spiaggia e Black dog, nonché sceneggiatore per il cinema (28 giorni dopo e Sunshine di Danny Boyle, più altre opere come Non lasciarmi e l’inedito Dredd interpretato da Karl Urban) che ha poi debuttato dietro la macchina da presa, nel 2014, grazie al pluripremiato Ex Machina (vincitore di un Oscar per i migliori effetti speciali).

Dopo essere passata sui canali Netflix, approda direttamente su supporto blu-ray italiano Annientamento, sua seconda regia, nuova avventura cinematografica di un autore che ha molto da dire a proposito del nostro mondo, soprattutto se ciò riguarda dove possa andare a finire.

Tratto da un romanzo di James VanderMeer, un lungometraggio che ha per protagonista Natalie Portman nei panni della biologa ed ex soldato Lena, donna che, dopo un lungo periodo di attesa, vede tornare a casa suo marito Kane (Oscar Isaac) da una missione avvenuta nella famigerata Area X, zona di quarantena.

L’uomo fin da subito avverte dei sintomi che lo fanno ammalare gravemente, portandolo vicino alla morte, e Lena, di conseguenza, intende andare ad esplorare questa area proibita, unendosi ad un gruppo di donne soldato e avventurandosi in un mondo all’apparenza innocuo e bellissimo, ma ricco di insidie genetiche. Cosa c’è di così minaccioso nell’Area X che tenta di insidiare la Terra?

Prodotto che viene dalla fantascienza più ragionata possibile, Annientamento gioca d’intelligenza la sua ambientazione futuristica, facendo a meno di ricostruzioni scenografiche eccessivamente hi tech e individuando molto del proprio fascino in una descrizione sociale non lontana da quella che viviamo, anche se gran parte dell’operazione è ambientata tra i boschi della suddetta Area X.

Ovviamente, il piatto forte della visione è rappresentato dalla metafora di fondo relativa alle zone incontaminate che devono rimanere tali per questioni naturalistiche e genetiche, ma ad arricchire il tutto provvede anche la maniera in cui Garland mostra questo mondo fatto di natura selvaggia e mostruose creature, senza rinunciare a picchi horror.

E ci si affida alla professionalità delle protagoniste, che, oltre alla citata Portman, includono – al fine di offrire uno sguardo prettamente femminile – le brave Tessa Thompson, Gina Rodriguez e Tuva Novotny; senza contare la partecipazione della veterana Jennifer Jason Leigh, tornata alla ribalta dopo essere stata rilanciata da Quentin Tarantino in The hateful eight.

Edito da Universal, il supporto in alta definizione di Annientamento dispensacome extra un corposo dietro le quinte diviso in tre parti: Parte 1 – Southern Reach (composto dai capitoli Rifrazioni e Per coloro che seguiranno, per una durata di ventisei minuti); Parte 2 – Area X (Bagliore e Scomparsi nel caos, durata ventisette minuti); Parte 3 – Al faro (Mente insondabile e L’ultima fase, durata diciannove minuti).

 

 

Mirko Lomuscio