Doppio appuntamento poliziottesco in dvd con Vai gorilla e Pronto a uccidere

Mustang Entertainment recupera dal dimenticatoio e lancia in dvd uno dei primissimi politiotteschi che hanno visto protagonista Fabio Testi: Vai gorilla diretto nel 1975 dal Tonino Valerii allora reduce dall’italian thrilling Mio caro assassino.

L’attore originario di Peschiera del Garda vi veste i panni di un giovane che, grazie ad un brillante stratagemma, riesce a farsi assumere come guardia del corpo (un gorilla, appunto) da un costruttore edile ricattato da alcuni criminali e in possesso delle fattezze di un ottimo Renzo Palmer. Costruttore la cui forte resistenza al ricatto e l’assunzione del ragazzo portano i malavitosi proprio a pestare a sangue quest’ultimo e a provocare esplosioni nei suoi cantieri; fino al momento in cui, spaventato, decide di accettare di versare la somma richiesta dai banditi.

Se non fosse per il fatto che, grazie a un colpo di genio dello script, il gorilla lo previene sequestrandolo insieme al denaro, costringendo i ricattatori a venire allo scoperto nel corso di oltre un’ora e mezza di visione che, pur dispensando una tesa sequenza come quella dell’ascensore, a differenza di più o meno contemporanei esempi analoghi su celluloide non sembra puntare in maniera esclusiva sull’azione.

È infatti soltanto dopo una prima parte destinata allo sviluppo dell’intreccio che si comincia a concedere spazio a coinvolgenti situazioni quali una sparatoria consumata in uno scalo ferroviario e, soprattutto, il serrato inseguimento finale tra un’automobile e un treno, con tanto di cinico spreco di vittime innocenti.

Inseguimento che, complice oltretutto il faccia a faccia tra buono e cattivo a bordo del convoglio in corsa, non fatica a testimoniare la provenienza di Valerii dal filone western; in quanto fu prima assistente di Sergio Leone, poi regista di Per il gusto di uccidere, I giorni dell’ira, Il prezzo del potere e Una ragione per vivere e una per morire.

Mentre un lungo inseguimento automobilistico con tanto di sparatoria e un altro tra una motocicletta e un tir rientrano senza alcun dubbio tra i momenti maggiormente memorabili di Pronto a uccidere, reso disponibile sempre su supporto dvd da RaroVideo.

Con un booklet incluso nella confezione, la versione restaurata in HD dell’escursione nell’action per il Franco Prosperi che non è il cineasta omonimo divenuto famoso per Mondo cane e derivati e dedicatosi poi all’eco-vengeance Wild beasts – Belve feroci, bensì colui che annovera nella propria filmografia, tra gli altri, Un uomo dalla pelle dura con tomas Milian e Il commissario Verrazzano con Luc Merenda.

Escursione datata 1976 e al cui centro abbiamo il Ray Lovelock di Roma violenta e Uomini si nasce poliziotti si muore impegnato a ricoprire il ruolo di un agente di polizia che, avendo un conto in sospeso con i delinquenti che hanno ferito la madre rendendola paralizzata, si fa arrestare, finge trafficante di droga e riesce di conseguenza ad entrare in una grossa organizzazione, in cerca di vendetta.

Man mano che, con un ricco cast comprendente l’hitchcockiano Martin Balsam, Riccardo Cucciolla, Elke Sommer ed Ettore Manni, la sceneggiatura a firma, tra gli altri, del Claudio Fragasso che avrebbe poi diretto diversi horror e Palermo Milano solo andata privilegia un inizio carcerario, favorendo in seguito la vicenda di gangster e infiltrati.

Fino all’epilogo aperto di un’operazione non distante, alla radice, dalle spy story in fotogrammi che avevano caratterizzato a cinematografia degli anni Sessanta.

Gli amanti del genere, dunque, hanno di che godere con Vai gorilla e Pronto a uccidere.

 

Francesco Lomuscio