Eternals: l’omaggio di Chloe Zhao a Jack Kirby

Eternals porta sullo schermo un classico del fumetto firmato Jack Kirby cercando ovviamente di innestarlo nell’universo cinematografico Marvel, ovvero dopo Avengers: Endgame.

Al timone di regia la vincitrice del premio Oscar Chloe Zhao, che dona il tocco giusto al lungometraggio e omaggia in modo sincero l’autore di fumetti più famoso della casa delle idee insieme a Stan Leee.

Eternals racconta, appunto, degli Eterni, che da sempre difendono la Terra dalla minaccia dei Devianti, esseri mostruosi risvegliatisi per creare danni all’umanità. Inviati su mandato della creatura celestiale Arishem, dopo aver sconfitto secoli addietro i Devianti devono sorvegliare il pianeta, mimetizzandosi tra gli esseri umani e vivendo effettivamente un’eternità. Rimanendo sempre giovani e, un po’ come nella saga Highlander, vivendo brevi amori per i mortali umani (o eterni, come nel caso di due protagonisti).

Da Gemma Chan ad Angelina Jolie, cast a dir poco stellare nelle oltre due ore e mezza di visione che, comunque, scorrono senza problemi e funzionano molto bene (con due finali nei titoli di coda).

Impossibile fare un sunto o cercare di illustrare tutta la solennità dell’insieme, ma possiamo tranquillamente pensare che, prima di accettare di dirigere il film, Chloe Zhao abbia letto avidamente l’opera di Kirby.

Perché, pur con tutte le forzature rappresentate dall’inserimento di personaggi che, in realtà, erano totalmente al di fuori dell’universo creato da Stan Lee, riesce perfettamente  nel compito, offrendo il giusto spazio ad un’infinità di figure.

Probabilmente, non si tratta del miglior cinecomic Marvel, ma, senza alcun dubbio, per gli amanti del fumetto (quello vero degli anni Settanta) il tocco di Kirby resta nella storia e il risultato è adatto anche a coloro che non hanno mai letto le avventure degli Eterni o, comunque, le pagine a disegni.

E, mentre molti danno per certo Richard Madden, uno dei protagonisti, come futuro agente segreto 007, speriamo che Zhao venga chiamata ancora dirigere un film Marvel. Magari sarà capace di inserirci perfino Frances Mcdormand.

 

 

Roberto Leofrigio