Imparate a preparare il delizioso Battilocchio al Pistacchio di Marco Quintili

Per festeggiare questo periodo fatto di dolcezza, il maestro pizzaiolo titolare delle Pizzerie IQuintili propone una delle sue specialità in un’inedita versione con crema di pistacchio e granelle tutta da gustare.

Il Battilocchio di Marco Quintili, realizzato con Risatta Rossa del Molino Magri, una farina di grano tenero con un mix di riso rosso, è ormai diventato un vero e proprio must nelle due sedi di Roma e nell’ultima aperta a Napoli lungo la riviera di Chiaia. La particolarità del Battilocchio di Marco Quintili è proprio nel riso rosso all’interno della miscela utilizzata,infatti è ricco di antociani, particolari antiossidanti naturali che ne conferiscono la tipica colorazione rossa – oltre che ferro, proteine e vitamine del gruppo B. Il termine Battilocchio deriva dal vocabolo francese battant l’oeil usato per indicare una cuffietta femminile che ricadeva sugli occhi. Metaforicamente lo stesso termine è stato poi usato a Napoli per indicare una persona che sembra essere sempre frastornata e stordita.

In realtà gli unici a restare storditi sono i clienti che assaggiano questa bontà del maestro pizzaiolo Marco Quintili, che per la prima volta la propone in un’inedita formula dolce con la crema di pistacchio: “Per Carnevale ho deciso di sperimentare e provare ad offrire ai miei clienti il battilocchio non ripieno di un qualcosa di salato, bensì con la nostra dolcissima crema di pistacchio. Amo sempre sperimentare e trovare l’unione di nuovi sapori e questo Battilocchio speciale rappresenta pienamente la fantasia del Carnevale”.


FASE PRELIMINARE

Impastare i 2000 g di Risatta rossa per 6 min. in 1a IN AUTOLISI con 1,1 L circa di acqua.
I tempi possono variare in funzione della tipologia di impastatrice.
Temperatura finale impasto: 18/20°C (inverno), massimo 25°C (estate).
Riposo impasto: minimo 15 ore, massimo 20 ore, in una bacinella coperta con un telo di plastica a 4/5°C.

 

IMPASTO

Impastare il pre-impasto aggiungendo il lievito di birra 12g, con 1000 g di farina di grano tenero tipo ‘0’ (risultati ottimali con DOPPIAESSE) e 0,55 L acqua.
Ad impasto incordato, aggiungere fino ad un massimo ulteriore di 0,45 L di acqua fredda a filo (70% idratazione finale)
Far riposare l’impasto in massa per altre 2/4 ore in mastello sempre in cella a 4/5°C.
Spezzare e formare (120-150g), metterle in cella di lievitazione per 2 ora a 4/5°C.

 

COTTURA IN FRIGGITRICE A 180°C

Riempire il battilocchio con la crema di pistacchio e guarnire il tutto con una granella.

Un gusto unico e travolgente in cui dolce e salato si uniscono trovano un perfetto equilibrio. Un’alternativa ai dolci classici, tutta da gustare.