In blu-ray in versione restaurata integrale La donna scimmia di Marco Ferreri

Grazie a CG Entertainment (www.cgentertainment.it), è disponibile su supporto blu-ray, in versione integrale restaurata, La donna scimmia, diretto nel 1964 da Marco Ferreri.

Si tratta del film che, un anno dopo Una storia moderna – L’ape regina, ha visto il grande Ugo Tognazzi tornare sotto la direzione del noto cineasta per concretizzare insieme un’altra pellicola decisamente all’avanguardia. Un altro dei loro ritratti agrodolci di persone allo sbando in una Italia fatta di contraddizioni esistenziali e morali. Una commedia amara che inscena lo scontro ideologico uomo/donna in modo tanto assurdo quanto originale.

Tra la risata e il dramma, una storia d’amore particolare in cui Tognazzi è il traffichino Antonio Focaccia, il quale vive di soli espedienti e campa seguendo una sua discutibile filosofia esistenziale; fino al giorno in cui scopre casualmente la giovane Maria (Annie Girardot), ragazza dal volto e corpo completamente coperti di peli. Incontro che suggerisce ad Antonio di sfruttare l’handicap della donna per farla esibire come un fenomeno da baraccone in modo da guadagnare tanti soldi da questa attività, sebbene lei nostri molto affetto nei confronti dell’uomo. Quest’ultimo, poi, col tempo sente di voler essere sempre più vicino a Maria, divenendone il marito e ampliando i propri orizzonti per pensare in grande in questa loro attività, tanto da spingersi a Parigi con l’idea di ingrandire il successo dello spettacolo.

Lungometraggio impensabile oggi, nel XXI secolo, a causa dei suoi sottotesti (anti)maschilisti, La donna scimmia trasuda ancora il coraggio nell’inscenare questa assurda vicenda sentimentale sui generis con mano ferma da tipica Commedia Italiana dell’epoca, ma rivelando, al contempo, un occhio internazionale.

Con il suo consueto tocco da autore graffiante, Ferreri se ne sbatte del pensiero censorio dell’epoca e arricchisce La donna scimmia di sottotesti narrativi e tocchi visivi che possano andare oltre il comune senso del pudore che tanto imperava nell’Italia anni Sessanta. E concepisce uno dei più originali scontri uomo/donna del grande schermo, trascinandoci in questa love story che è anche il resoconto di lotte ideologiche del nostro paese. In tutto ciò l’accoppiata protagonista Tognazzi/Girardot troneggia sotto la solida regia di dell’innovativo Marco, il quale, stendendo il controverso script insieme al fido Rafael Azcona, conquistò un Nastro D’Argento come unico autore del soggetto originale.

Questa edizione in alta definizione de La donna scimmia viene proposta con la coadiuvata successione dei suoi tre diversi finali: quello della versione censurata, quello della versione lunga voluta dal regista e quello della versione cinematografica francese. Inoltre, nella sezione extra abbiamo la featurette di trentacinque minuti Ferreri, Tognazzi e La donna scimmia: storia vera di un matrimonio impossibile – Intervista a Ricky Tognazzi.

 

 

Mirko Lomuscio