In blu-ray l’epicità tutta al femminile di Viking destiny

Quando si tratta di gettarsi nell’avventura e nella magia, l’epicità delle terre nordiche è un luogo fertile di ispirazione, con le sue molteplici vicissitudini tra fredde lande, creature mitologiche e raggiungimento della gloria eterna del Valhalla.

Su questi passi si muove Viking destiny, lungometraggio pregno di senso dell’intrattenimento e del fantasy che guarda molto al cinema diffuso dalle versioni filmiche de Il Signore degli anelli, strizzando l’occhio anche al sempreverde Il gladiatore e alle intricate trame dell’appuntamento televisivo di successo Il trono di spade.

Sotto la regia di David L.G. Hughes (autore dell’inedito in Italia Hard boiled sweet), il film racconta la storia di Alva di Volsung (Victoria Broom), giovane che vive in tempi molto remoti nelle terre scandinave, appartenente ad una casata di sovrani di cui è l’unica erede.

Spacciata per lungo tempo per nipote del re, in quanto donna, quando viene a scoprire la verità intraprende una fuga di salvezza, perché chi vuole occupare il trono al suo posto desidera assolutamente la sua morte.

Ma lei non si dà per vinta e, guidata dai consigli del Dio Odino (Terence Stamp), saprà far valere il suo diritto di sovrana di Volsung.

Produzione a basso costo che, però, non si ferma dinanzi a tale svantaggio finanziario, Viking destiny è, nel suo piccolo, un lungometraggio capace di costruire un’intrigante epopea immaginifica, grazie alla ricchezza di immaginazioni visive e scenografiche di non poco conto.

Sfruttando gli aridi scenari della Scandinavia, questo racconto vichingo offre un punto di vista parecchio originale – almeno per quanto riguarda il lato cavalleresco della trama – ricorrendo allo sguardo prettamente femminile della protagonista Alva, resa da una ben calibrata Broom, elemento mai abbastanza delineato nelle storie di epicità e lotte all’ultimo sangue tra guerrieri.

Siamo sempre stati abituati a visionare questi film immedesimandoci nel “gladiatore” ribelle di turno o nei poderosi cavalieri senza macchia in cerca di gloria.

Con Viking destiny è arrivato il momento di osservare il tutto dal lato rosa, regalando anche alle donne l’occasione di partecipare a queste battaglie senza tempo con il giusto coinvolgimento.

Inoltre, Hughes non manca di ricorrere a simbolismi e analogie, con lo scontro tra pace e guerra o tra prigionia e libertà, specchio di una situazione sociale che ancora oggi (e sicuramente negli anni a venire) viviamo.

Oltre alla Broom, il cast include il già menzionato Stamp e di Paul Freeman, noto per aver interpretato la parte del cattivo Belloq ne I predatori dell’arca perduta, qui calato nei panni del pacifico Tarburn.

Edito in blu ray da CG Entertainment (www.cgentertainment.it) in collaborazione con Minerva Pictures, accompagnato da trailer originale nella sezione extra.

 

 

Mirko Lomuscio