In dvd il thriller psicologico Transfert

Dopo aver fatto incetta di premi nell’ambito di diversi festival ed essere stato visto nelle sale cinematografiche nell’Aprile 2018, approda nel mercato dei dvd Transfert, distribuito dalla stessa Change of (he)Art che lo ha prodotto.

Primo lungometraggio diretto da Massimiliano Russo, che è stato tra l’altro assistente di produzione nello zombie movie Almost dead di Giorgio Bruno, vede il regista stesso nei panni di un paziente piuttosto particolare e, a suo modo, inquietante del giovanissimo psicoterapeuta Stefano Belfiore alias Alberto Mica, per il quale la propria professione si fa sempre più insidiosa.

Non un film sulla psicoterapia, ma che la utilizza al fine di raccontare una storia in cui le vicende che la compongono provvedono a mettere in luce la sfaccettata problematicità del trauma psicologico.

Vicende comprendenti quella di Chiara e Letizia, rispettivamente interpretate da Clio Scira Saccà e Paola Roccuzzo, sorelle in contrasto e il cui rapporto altamente conflittuale non può essere considerato altro che malato.

Man mano che, tra abbondanza di interni e conversazioni tra le diverse figure coinvolte a dominare il tutto, è un’impronta d’influenza chiaramente teatrale a caratterizzare la oltre ora e mezza di visione.

Una oltre ora e mezza di visione in cui, di conseguenza, ci si affida in particolar modo alle prove sfoggiate dai diversi attori coinvolti; mentre passato e presente si alternano di continuo e la realtà degli eventi non manca di venire più volte deformata.

Facendo di Transfert un’opera prima capace di generare tensione senza dover ricorrere ad un plot tempestato di spettacolari sequenze d’azione o momenti da pellicola dell’orrore; fino a sorprendere e spiazzare lo spettatore attraverso un inaspettato twist ending.

Con sezione extra del disco rappresentata da trailer, ventitré minuti di interviste al regista e al cast e diciannove in cui diversi psicoterapeuti dicono la loro a proposito del film.

 


Francesco Lomuscio