Intervista a Emma Nitti “Grace Hall”. La Dea del palcoscenico

Carissimi lettori, intervistiamo l’artista Emma Nitti, meglio conosciuta come Grace Hall.

Nata e cresciuta a Roma è un’attrice, showgirl, regista e produttrice cinematografica.

© Piergiorgio Pirrone – LaPresse
04-10-2011
Roma
Ritratti esclusivi di Emma Nitti – Grace Hall , la regina del burlesque italiano

Si è laureata in Lettere Moderne in Storia e critica del cinema, portando Federico Fellini come argomento di tesi.

Una Dea? Sì. Quando lei appare su un palco lascia alle spalle il nostro mondo per entrare a far parte dell’Olimpo. La sua immagine è sinuosa, il suo corpo parla e lo spettatore viene rapito. Quando la Dea sparisce tra le polveri del palcoscenico torna la donna, sorridente, allegra, felice di abbracciare la vita ed il suo adorato cane di nome Nino.

Emma Nitti ha al suo attivo collaborazioni con nomi di altissimo livello, da Abel Ferrara a Gabriele Muccino, Gigi Proietti, Francesco Maria Dominedò, Luca Miniero, Marcello Cesena, Luciano Melchionna, Paolo Virzì.

Dal 2009 si è specializzata in spettacoli di Burlesque, con il nome d’ arte di Grace Hall. In poco tempo è diventata una delle star più importanti a livello internazionale.

Ospitata in innumerevoli trasmissioni televisive (citiamo “Domenica in”, “Guardami”, “Linea Blu”, “Beauty and me” “Cominciamo bene Estate”, “Sottovoce” con Gigi Marzullo). Numerosi i servizi ed i documentari a lei dedicati (Tg5, Sky, varie radio nazionali). E molto altro ancora. A fine 2017 persino il famoso programma della televisione giapponese WaratteKoraete, andato in onda sul canale nazionale Nippon Tv, le ha dedicato un intero servizio raccontandola in tutto il suo talento.

Oggi è qui con noi, per raccontarsi e per parlare del nuovo film “La banda dei tre, regia di Francesco Maria Dominedò, in cui interpreta il personaggio di Olga.

Attrice, ballerina, cantante, produttrice e regista: qual’è il ruolo che più ti si addice e che preferisci e quale di questi ti ha portato maggiormente a scoprire e sperimentare gli altri?

Il ruolo di showgirl a tutto tondo, il palco. L’improvvisazione. Il contatto con il pubblico.  Ma anche la regia. Nel mio primo film (Burlesque Extravaganza disponibile in home video e su Amazon Prime) avevo pochissimi mezzi a disposizione. Anzi direi zero mezzi. Ora mi sento pronta a fare un secondo film coadiuvata da professionisti, mi gratifica lavorare con le storie e le immagini.

Perché hai scelto Federico Fellini come argomento della tua tesi di laurea?

Fellini è una figura che mi ha sempre ispirato, amo il suo mondo onirico e stravagante, la sua passione per il mistero, l’occulto e i suoi interrogativi esistenziali. È sempre stato un punto d riferimento per me. Era fuori dagli schemi, unico. Aveva un suo personalissimo modo di vedere la realtà e di stare a contatto con le energie sottili, spesso impalpabili, ma che muovono la nostra esistenza. Ebbi anche la fortuna di conoscerlo da bambina. La mia tesi verteva su suo rapporto con la psicanalisi junghiana.

Porteresti in scena un esperimento con temi attuali, come fece Fellini a proposito dell’LSD a scopo terapeutico. E quale argomento sceglieresti?

Sceglierei anch’io l’espansione della coscienza. A proposito di espansione della coscienza e psilocibina (una triptammina psichedelica presente in alcuni funghi allucinogeni), consiglio vivamente la lettura di questo saggio Come cambiare la tua mente di Michael Pollan.

©Piergiorgio Pirrone – Lapresse
28/09/2010 Venezia,Italia.
Ritratti esclusivi all’attrice Emma Nitti, regina italiana del Burlesque con il nome di Grace Hall.
Nella foto: Emma Nitti – Grace Hall.

Sei stata più volte definita la “Regina del burlesque” in Italia. Nel 2010 hai aperto Il Tempio del Burlesque a Roma. Cosa ti ha spinto ad investire in questo progetto?

L’amore che provo per le donne e la volontà di capire chi si è. Attraverso le arti performative e l’uso consapevole del corpo si può imparare a connettersi e ancorarsi al presente, vivendo quindi una vita più piena e gratificante. Si possono apprendere degli strumenti per avere più consapevolezza ed esprimere liberamente il proprio potenziale. Il Burlesque si presta a tutto questo in un modo magistrale. Aiuta a conoscersi, ascoltarsi, a guardarsi con altri occhi, a sfilare via sovrastrutture che non ci appartengono, a connetterci con la propria essenza più autentica, a giocare con la propria femminilità, ad esplorare la propria creatività e a portare in scena un personaggio (che è la migliore versione di te stessa). Insomma un cocktail esplosivo!

Che programmi hai per il futuro della tua scuola?

Sono fiduciosa che riapriremo a breve con le dovute attenzioni. Al momento mi sto concentrando per lo più su lezioni private individuali ma tra breve ci si potrà prenotare su delle piattaforme per lezioni e masterclass in streaming. La tecnologia ci permette di arrivare ovunque ed è meraviglioso.   Ma non sostituirò le lezioni in presenza con quelle on line. Si potrà scegliere. L’insegnamento, come lo spettacolo, ha un altro impatto in presenza.  C’è uno scambio e un’empatia che il digitale non potrà mai sostituire del tutto.

©Piergiorgio Pirrone – Lapresse
28/09/2010 Venezia,Italia.
Ritratti esclusivi all’attrice Emma Nitti, regina italiana del Burlesque con il nome di Grace Hall.
Nella foto: Emma Nitti – Grace Hall.

Dal 2013 sei ideatrice e direttrice artistica del “Grace‘s Tricks Revue” spettacolo di burlesque, cabaret, circo, magia e siparietti. Quante ore di preparazione e allenamento stanno dietro una performance perfetta?

Molte ore.  Dietro un numero ci sono ore ore di prove, ore per la realizzazione delle coreografie e ore per i costumi. Tutto è studiato nei minimi dettagli e nulla è lasciato al caso.

Parliamo della Grace attrice. Nel film “La banda dei tre”, uscito nel 2019, tu interpreti Olga: quali caratteristiche ha questo personaggio e che ruolo svolge all’interno della vicenda?

Olga (tatuata, piercing al naso e caschetto alla Louise Brooks) è l’amica e collega di Patrizia, la protagonista femminile, che farà breccia nel cuore di Bambola interpretato da Marco Bocci. E’ Olga che, quando Bambola va a cercare Patrizia a lavoro e non la trova, gli suggerisce che qualcosa non va nella vita di lei. È un ruolo secondario però utile per la narrazione.

La regia di questo film è affidata a Francesco Maria Dominedò: com’ è stata l’esperienza lavorativa con questo attore e regista?

Con Francesco ci conosciamo dal 2005 e siamo stati sentimentalmente legati per 11 anni, abbiamo lavorato diverse volte insieme. Ha talento, molte idee e ben chiare.

È tua l’idea di stages tutti al femminile dal titolo “La magia di essere donna”. Con la fine del lockdown, sei fiduciosa nella ripartenza di questo progetto?

Ci sto lavorando. Nulla ci potrà fermare e mai come ora il bisogno di entrare in contatto con la propria autentica femminilità è una vera necessità.

Il burlesque è una delle arti alle origini del Musical. Ti piacerebbe interpretare un ruolo nel teatro musicale e, se sì, con quale regista ti piacerebbe lavorare?

Assolutamente! Mi piacerebbe lavorare con Buz Luhrmann, Rob Marshall e l’italiana Roberta Torre.

Sei stata citata perfino in Giappone: cosa hanno detto di te sul canale nazionale Nippon tv nel programma WaretteKoraete?

I giapponesi sono meravigliosi. Mi hanno accolto con un regalo meraviglioso e dedicato un intero servizio. Erano affascinati e mi hanno fatto sentire davvero una Diva!W il Giappone!

©Piergiorgio Pirrone – Lapresse
28/09/2010 Venezia,Italia.
Ritratti esclusivi all’attrice Emma Nitti, regina italiana del Burlesque con il nome di Grace Hall.
Nella foto: Emma Nitti – Grace Hall.

A tutte le donne artiste che intervisto mi piace sempre porre questa domanda: quanto c’è della bambina di ieri nella donna di oggi?

Moltissimo! È la bambina a muovere i miei passi e azioni. Mi dedico ogni giorno a nutrirla e a farla esprimere, anche con i suoi capricci. Il segreto dello stare bene credo sia proprio qui.

Cosa hai in serbo per il 2021/2022, sempre con la speranza di tornare a gioire dando corpo al lavoro di cui tutti noi abbiamo bisogno?

In questo momento sto mettendo su due film documentari da produttrice e regista con la mia casa di produzione Zed Film. Poi ho mille altri progetti a cui tengo molto che presto ti racconterò…

Emma la nostra intervista finisce qui. Grazie per essere stata con noi. Io e la redazione ti aspettiamo per farci raccontare nuove luminose storie di lavoro e di vita.

Grazie mille e a presto!

Corinna Ivaldi

https://www.instagram.com/gracehalldiva/