Intervista a Eugenio Picchiani: dal Premio Roma Videoclip alle musiche per il corto di Fabio Schifino

Eugenio Picchiani

Il cantautore Eugenio Picchiani è, con il video del brano “Eclissi”, tra i vicintori  del “Premio Roma Videoclip” che si è tenuto nella Sala Fellini di Cinecittà, a Roma. Il videoclip è ispirato al cortometraggio “Eclissi” di Valerio Carta da cui sono state tratte alcune immagini per la regia di Andrea Peluzzi Valerio Carta. Protagoniste del video sono Iole Mazzone e Sandra Milo.
Attualmente il cantautore sta lavorando alle musiche del nuovo corto di Fabio Schifino.

 

Ciao Eugenio, parlaci di te e di cosa ti ha spinto a intraprendere la carriera di cantautore.
Ciao a tutti, parlare di me è come parlare dei sentimenti della mia musica che da anni rappresenta l’espressione più vera di me, del mio sentire, nel fluire del mondo. Essere un cantautore non nasce, nel mio caso, dall’esigenza di una carriera ma dal bisogno di espressione, poi la carriera…è un altro mondo!

Con “Eclissi” sei stato tra i vincitori del Premio Roma Videoclip. Com’è nato il brano? Ti va di raccontarci qualcosa?
“Eclissi” è uscito con la sua stessa forza con il quale è nato, non è stato programmato niente e i consensi che ricevo mi rendono fortemente felice e soddisfatto, Dal punto di vista professionale questo è un bel periodo questo che aspettavo da tempo! Protagoniste del video sono Iole Mazzone e Sandra Milo. Una Fortuna! Questo meraviglioso risultato mi ha insegnato che le cose più belle arrivano inaspettatamente.  È stata tutta una Magia, non avrei mai e poi mai pensato che il tutto si realizzasse in cosi poco tempo e con questi risultati. Francesca Piggianelli, ideatrice e direttore Artistico del Premio Roma Videoclip mi ha individuato e ha creduto fortemente in me, invitandomi a scrivere un brano ispirato al cortometraggio di Valerio Carta “Eclissi”. Io l’ho fatto e le note sono arrivate come un dono, cosi…di getto. Un omaggio alla magia del Cinema in tutti i suoi contrasti, al fascino e alla storia che fa da testimone a una luce del passato, che si riaccende ogni volta che la si rende ancora e per sempre viva.

Seguirà un disco?
Dopo il precedente “Divenire” era già in cantiere un nuovo progetto discografico sempre “fianco a fianco” con il Maestro Sergio Lepidio.  Siamo a buon punto ma c’è sempre da fare. Ovviamente conterrà “Eclissi” e altri inediti tra cui “Cappellaio Matto”, il brano colonna sonora del nuovo cortometraggio di Fabio Schifino.

Puoi descriverci il tuo processo di scrittura?
Inizia con un’ispirazione creativa, una linea melodica sulla quale via via alcune parole chiave creano il mood del brano, il tempo e il mondo dell’arrangiamento che si pensa di creare. La magia è la sincronia immediata del testo e della melodia, bisogna dedicarsi con un’attenzione speciale alla ricerca dei suoni e delle stanze sonore dove muoversi.

Cosa stai ascoltando maggiormente durante le registrazioni?
Ascolto la musica che arriva intorno, niente di ricercato. Se posso scegliere, preferisco silenzio e concentrazione per i riascolti dei nuovi brani da cui esigo sempre il massimo.

A proposito, cosa pensi della scena musicale italiana?
C’è una grande bella scena musicale, le influenze sono molte. La melodia italiana tende sempre più a perdere le sue radici cantautorali. Apprezzo Diodato, che conserva ancora quel seme italiano, e tanti artisti. L’ultimo Festival di Sanremo ad esempio mi è piaciuto molto ma penso che ci sia troppo usa e getta e gli artisti e l’arte in generale non sono fatti per questo…spero vivamente che qualcosa resti.  La musica è comunicazione, è unione, è anche protesta e denuncia ma deve sempre lanciare messaggi positivi, sarò anacronistico ma un pizzico di poesia non guasta mai.

Progetti per il futuro? Dove ti vedremo prossimamente?
Sto lavorando alla parte musicale del nuovo cortometraggio con la regia di Fabio Schifino, un tema che mi prende molto, sulla violenza familiare e il disagio vissuto, visto dalla parte dei bambini. Un corto introspettivo in chiave onirica, magica, con Antonella Ponziani, Pierangelo Pozzato, Gianni Franco e Giulia Roberto. Inoltre sono impegnato in studio di registrazione e nella realizzazione dei prossimi video di cui ho la possibilità di curare la sceneggiatura e la regia insieme ad Andrea Peluzzi. Vi aspetto alla presentazione live a Roma, per l’uscita del nuovo album, spero presto…dipende molto anche dal periodo che stiamo vivendo. Vi terrò informati! Grazie.