Leonardo Cinquecento: l’eccezionalità e la contemporaneità del genio

In occasione delle celebrazioni per il cinquecentenario della morte, la serie “L’Arte al cinema” omaggia il noto pittore-architetto-scultore Leonardo da Vinci con Leonardo Cinquecento, diretto da Francesco Invernizzi. 

Nato vicino Firenze nel 1452 e cresciuto nella bottega del Verrocchio, Leonardo è considerato un genio assoluto a livello mondiale per i suoi capolavori, ma anche per le sue intuizioni e invenzioni.

Pittore, scultore, architetto, matematico, ingegnere, astronomo, fisico, naturalista, chimico, musicista, i suoi interessi spaziarono quasi in ogni direzione, quale vero uomo del Rinascimento. Da Vinci non voleva semplicemente rappresentare il mondo, bensì comprenderne i fenomeni, i meccanismi. 

Il lungometraggio di Invernizzi intende essere un omaggio proprio alla creatività e al genio di Leonardo. 

Leonardo Cinquecento si sofferma, così, sui risvolti contemporanei delle osservazioni e intuizioni leonardesche: dagli studi di anatomia ai progetti architettonici e balistici che hanno ispirato fino ad oggi le grandi ricerche ed opere, sia in campo medico che ingegneristico e architettonico.

Attraverso l’analisi di alcune opere famose, dalla Gioconda alla Vergine delle rocce, da La dama con l’ermellino a L’uomo vitruviano, fino ai progetti urbanistici della città ideale, l’operazone vuole evidenziare la contemporaneità delle invenzioni del maestro, anche attraverso le parole di esperti storici e d’ arte come Massimo Cacciari, Antonio Natali, Maria Teresa Fiorio e Claudio Giorgione.

E si arricchisce di immagini e fotografie magnifiche, realizzate in 8k, che permettono allo spettatore di immergersi nella magnificenza dei dipinti e di essere travolto dall’impeto dell’Arno o dalla dolce sinuosità delle colline toscane.

Leonardo Cinquecento è un bellissimo e sapiente omaggio al genio rinascimentale quale è stato Leonardo, che ha rivoluzionato non solo le arti figurative, ma anche la storia del pensiero e della scienza.

 

 

Anastasia Mazzia