Presentato all’Asylum Fantastic Fest il thriller Pop Black Posta di Marco Pollini

“Se tutti facessimo delle nostre antipatie delle “opere”, si vivrebbe di molta più arte e creatività”. È ciò che dice il cineasta veronese Marco Pollini a proposito di Pop Black Posta, suo thriller nato dalla poca simpatia verso gli uffici postali.

Una poca simpatia cresciuta in Pollini nel corso degli anni, tanto che nel suo film l’ufficio postale, luogo comune e frequentato da persone comuni, da posto in cui il regista sbriga con regolarità delle commissioni diventa un set cinematografico.

Presentato in anteprima mondiale il 9 Maggio 2019 presso la prima edizione dell’Asylum Fantastic Fest di Valmontone nel Palazzo Doria Pamphilj, Pop Black Posta vede protagonista una fantastica Antonia Truppo nei panni di Alessia, la quale cerca la sua giustizia (o, meglio, la sua spietata vendetta) sequestrando i presenti per coinvolgerli in una sorta di gioco dai tragici esiti.

Le musiche del film sono a cura del maestro Marco Werba, mentre fanno parte del ricco cast Annalisa Favetti, Stefano Ambrogi, Denny Mendez, Aaron T. Maccarthy, Pino Amendola, Enzo Garramone, Alessandro Bressanello, Hassani Shapi e, nel ruolo del padre di Alessia, Luca Lobìna, per la prima volta sul grande schermo.

E il 20 Maggio sarà la volta della presentazione presso il Marché du film del prestigioso Festival di Cannes.

 

Alessandra Zannoni