Rebecca Caligiuri: “Ho sconfitto la malattia ed oggi voglio fare la modella!”

Amici di Mondospettacolo, oggi voglio presentarvi la giovanissima fotomodella Rebecca Caligiuri, Rebecca ha una storia particolare da raccontarci, le ho proposto di farlo con questo editoriale ed eccoci qui! 

Mi chiamo Rebecca Caligiuri, ho 14 anni e vivo in un paesino in provincia di Torino che si chiama Forno Canavese.

Oggi voglio parlarvi del perché ho deciso di iniziare a posare come modella.

Innanzi tutto devo dirvi che convivo con due malattie rare che negli ultimi cinque anni mi hanno fatto provare la disabilità totale, l’emarginazione sociale, la solitudine e molte umiliazioni e sottovalutazioni mediche. Ho subìto anche 8 interventi alla testa e 6 alla colonna vertebrale.

La mia determinazione nel voler star bene, mi ha permesso di continuare a combattere anche quando i medici mi dicevano che dovevo rassegnarmi o che addirittura mi inventavo i dolori per attirare l’attenzione.

Dopo l’ultima operazione avvenuta in Germania, grazie all’interessamento e al supporto del Ministro degli Esteri Di Maio, vari Onorevoli e numerose trasmissioni Tv come “Fuori dal Coro” su Rete4, “La vita in Diretta” su Rai 1, “Pomeriggio 5”, che hanno portato alla luce la mia storia, finalmente nella mia vita è tornato il sole, sto molto meglio, e proprio per questo ho iniziato a coltivare e a voler sviluppare il mio sogno di posare come modella. Sento dentro di me la necessità di trasmettere al mondo intero che se non ti arrendi e lotti per quello in cui credi, prima o poi sarai ripagato e vincerai la tua battaglia!

Attraverso il mio sguardo voglio trasmettere ciò che secondo me è necessario avere per ottenere ciò a cui si ambisce, ovvero la tenacia e la determinazione.

Sono felice di avere al mio fianco una famiglia che ha sempre creduto in me e che anche adesso mi stia supportando nel muovere i primi passi e nel destreggiarmi in questo mondo della moda che mi sta davvero aiutando a credere in me stessa e a lasciarmi alle spalle i demoni della malattia che hanno vissuto con me per molti, anzi, troppi anni.

Grazie a tutti voi per aver letto la mia storia.

Rebecca