Rihanna incanta Torino con un grande Show

4


Grande performance di RIHANNA ieri a Torino per la prima delle due date italiane, domani si replica a Milano, a San Siro.
La ragazza delle Barbados, ormai è cresciuta, 28 anni, 54 milioni di dischi venduti, terza artista di sempre, prima di lei solo i Beatles e Mariah Carey, a piazzare più brani al primo posto della Hit Parade USA, oltre 210 milioni di download digitali, 8 Grammy Awards. E poi l’ultimo disco ANTI che da nome al Tour mondiale e il singolo Sledgehammer che andrà ad arricchire il nuovo Star Trek.



20
Una DIVA amata al mondo come nessuna altra, la più cliccata con 7 milioni di visualizzazioni YouTube e Vevo, 62,5 milioni di followers su twitter: una vera forza della natura. Un a macchina da soldi inarrestabile, sponsorizzazioni milionarie, solo 25 milioni con la Samsung, impegnata a lanciare linee di moda, profumi,di tutto di più.
Una vera DIVA 3.0 in competizione con Lady Gaga e Beyoncè. Canzoni orecchiabili e ballabili, che spaziano tra RB e disco pop, raggae, rapper finire alla phisichedelia funk di ANTI.

1
A Torino si presenta sul palco fasciata da una tunica con stivaloni a mezza coscia, su un piccolo palco centrale, di fronte al palco principale, quasi a simboleggiare che da lì a poco andrà a prendere il main stage, il palcoscenico principale, in un tripudio di applausi di fan scatenati e pittoreschi.
Chiamatelo il simbolismo delle DIVE, la voglia innata di stupire, sempre e comunque, le invenzioni sceniche per far gridare: OHHHHHHH!

18
L’ultimo disco ANTI, sicuramente poco radiofonico e abbastanza cupo, e ciononostante tutto il concerto è una vera carica delle natura, un trionfo di sonorità elettrofunk, dance pop, rapidi cambi d’abito, le solite più o meno timide allusioni sessuali.

14
Un concerto diviso in quattro atti, ventiquattro canzoni, un ritmo sfrenato. Durata 80 minuti, senza bis, lei che canda, attorniata da 10 ballerini acrobatici, è tutto un bel vedere, una coreografia che appaga gli occhi, una musica che ti coinvolge e ti fa saltare, facendo diventare l’intero palasport una discoteca, dall’inizio alla fine.
Lei, la DIVA, gioca con la platea quando dopo le iniziali Stay e Love the way you lie, canta Woo, Sex with me e Birthday Cake. E piace ad un pubblico di maschi e femmine, senza distinzione.

16
Anche la sua voce è grandemente migliorata, da quando agli esordi, in un MTV Awards, apparve fuori tempo e decisamente stonata. Non sarà certo una Whitney HOUSTON, ma sentirla cantare Bitch better have may monay e la sensualissima Unbrella, cantata in una aderentissima tuta con spacco mozzafiato, super apprezzato dal pubblico…maschile, brano ormai cult, è davvero piacevole e ti fa venire voglia di muoverti. Davvero sensuale anche il vestito lungo e semitrasparente, con cappuccio e spacca, evvai, di nuovo, con il quale interpreta Work, dimenando da par suo, il famoso lato B. Davvero notevole!

13
Ormai la bambina è cresciuta, RIHANNA ben capito come fare a rimanere sempre in cima al mondo: ripetersi poco e differenziarsi molto. Scelta obbligata per chiunque voglia evitare che la celebrità duri lo spazio di un momento, per sciogliersi poi come neve sotto il sole d’agosto.
E domani, come già detto, l’appuntamento a San Siro davanti ad un pubblico di oltre 50 mila unità.
Si prevede un’altra notte di divertimento sfrenato, senza limiti. Un altro grande spettacolo.

Galgano PALAFERRI