ROMAFF10: RIASSUNTO DELLA SETTIMA GIORNATA (22 OTTOBRE)

Artwork RomaCinemaFest2015_white (1)

Notevole questa settima giornata alla Festa del Cinema di Roma, con tanti film di qualità, emozionanti e pieni di.. lesbiche.

Iniziamo con la tagliente commedia “Grandma” di Paul Weitz, con una grandissima Lily Tomlin in versione nonna lesbica e scorbutica che aiuta la nipote a trovare i soldi per abortire. Poi il francese “Les rois du monde” di Laurent Laffargue (così così), in cui un uomo uscito di galera dopo 3 anni scopre che la sua ex si è messa con il suo miglior amico; ovviamente non la prenderà bene e cercherà di recuperarla. Presentati anche “Full contact” di David Verbeek e il documentario “Ouragan, l’odyssée d’un vent 3D” di C. Barbancon e A. Byatt; entrambi li vedremo successivamente.

Grandmale rois

 

L’incontro di oggi ha visto protagonista il regista Todd Haynes, che dopo aver diretto “Velvet goldmine“, “Lontano dal paradiso” e la pluripremiata miniserie “Mildred Pierce“, presenta il suo ultimo film “Carol“.

attends a red carpet for 'Carol' during the 10th Rome Film Fest on October 22, 2015 in Rome, Italy.

Il regista Todd Haynes sul red capet (foto Getty)

E il piatto forte della serata è proprio l’intenso “Carol” (recensione QUI), con Cate Blanchett ricca signora lesbica che inizia una storia con la giovane e timida Rooney Mara (bravissime entrambe), ma una serie di problemi familiari metterà a dura prova il loro rapporto. A seguire abbiamo finalmente recuperato “The walk 3D“ di Robert Zemeckis (recensione QUI), uscito ieri anche nelle sale italiane, che racconta la storia del funambolo Philippe Petit e della sua incredibile impresa di camminare su un filo di acciaio teso tra le due Torri Gemelle del World Trade Center. Un film teso, emozionante e poetico.

carolLayout 4

Domani invece inizieremo con “Experimenter” di Michael Almereyda, seguito da “Alaska” di Claudio Cupellini con Elio Germano. All’ora di pranzo ci sarà la masterclass con Paul Weitz, e nel pomeriggio red carpet con Paolo Villaggio, Anna Mazzamauro e Plinio Fernando (!) per la proiezione della versione restaurata dei primi due “Fantozzi” e poi il film “Full contact” di David Verbeek. In serata c’è l’incontro del maestro Riccardo Muti con il pubblico, e poi ancora il film “Sport” dei registi Ahmad Barghouthi, Tal Oved, Lily Sheffy e Matan Gur, mentre chiuderà il programma “The propaganda game” di Alvaro Longoria.

 

Ivan Zingariello

 

Artwork RomaCinemaFest2015_white (1)