“Siamo stanchi! Pagateci!”: questo è l’urlo di protesta dei poliziotti che si mobilitano in tutta Italia!

Contratto non applicato –  straordinari, indennità, missioni e buoni pasto in ritardo di 15 mesi. SIAMO STANCHI, PAGATE I POLIZIOTTI!

Queste sono le dichiarazione del Segretario Generale Provinciale Pietro Di Lorenzo (S.I.A.P) che questa mattina ha organizzato una manifestazione di protesta di fronte alla Questura di Torino!

  “ Siamo stanchi, la situazione è ormai grave ed intollerabile”.

Nella foto: il Segretario Generale Provinciale Pietro Di Lorenzo

L’ingiustificato e inaccettabile ritardo nell’applicazione del nuovo contratto – e quindi degli incrementi contrattuali derivanti sia per la parte economica che per la parte normativa compresi gli arretrati spettanti – il ritardo cronico nel pagamento degli straordinari e delle altre indennità, il ritardo nella liquidazione delle missioni nazionali ed internazionali ed il ritardo nella corresponsione dei buoni pasto è oltre ogni limite di sopportazione.

Siamo sempre meno e sempre più vecchi, mentre aumentano le richieste di sicurezza dei cittadini e le emergenze cui fare fronte – in ultimo quella ucraina con le decine di migliaia di profughi in Italia – obbligandoci al lavoro straordinario retribuito dopo anni.

Anche i poliziotti, molti monoreddito, pagano la crisi economica e l’aumento sconsiderato delle bollette energetiche

Per questo motivo, comincia da oggi una mobilitazione in tutta Italia che vedrà i rappresentanti del Siap davanti a tutte le sedi della Polizia di Stato, distribuendo il volantino allegato con il quale si spiegano le ragioni della protesta e della battaglia per la tutela dei diritti reali dei Poliziotti.

Hanno espresso  la loro solidarietà ai poliziotti alcuni esponenti politici:

Francesco Lollobrigida (capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera), Augusta Montaruli (parlamentare di Fratelli d’Italia), Maurizio Marrone (Assessore regionale di Fratelli d’Italia).

Lollobrigida ha poi criticato la ministra Luciana Lamorgese. «Uno – dice – dei peggiori ministri che l’Italia ha mai avuto. Incapace di assumersi le proprie responsabilità, le scarica sugli agenti. Più volte l’abbiamo sollecitata a spiegare cosa è intenzionata a fare. Una delle prime cose dovrebbe essere garantire il contratto e i giusti sovvenzionamenti perché le forze dell’ordine possano svolgere bene il loro lavoro. Non mi sembrano chiedano tanto».

Anche noi di Mondospettacolo esprimiamo la nostra piena solidarietà ai lavoratori della polizia e ci auguriamo che il loro contratto possa essere presto rinnovato.

La Redazione