Speciale Terror Zone – Video intervista all’attrice Alessia Sala

Alessia Sala è una delle attrici protagoniste del film horror diretto da Alberto Bogo “Terror Zone”, ho chiesto ad Alessia di raccontarci in un self tape la sua esperienza sul set, vediamola insieme.

Alessia Sala, viene concepita da una madre che somiglia a Lucia Mondella e un padre che paragonano a Patrick Swayze la sera della vigilia di Natale mentre le rispettive mamme facevano i tortellini al piano di sotto, nacque di conseguenza il giorno nove del nono mese del millenovecentonovantatre.

All’asilo nido era anche carina, alla scuola materna sembrava una pallina. Alle elementari mangiava pasta a mensa e aveva male alla pancia però studiava, anche alle medie studiava ma dopo aver stirato usciva e scherzava in giro per il paese.

Aveva già voglia di fare solo di testa sua perché ragionando assai pensava di fare sempre la scelta migliore.

Si iscrisse al liceo classico perché “voglio capire il significato delle parole e diventare un’attrice colta”. A 10 anni incontrò il teatro, le dissero che doveva continuare, lei pensava fosse l’unica cosa che sapeva fare e continuò.

A 18 anni superò il provino per entrare all’Accademia d’arte drammatica TeatroSenzaTempo. Saltò per 24 ore poi cadde addormentata, si svegliò e continuò a saltare di gioia.

Era l’inizio del suo sogno. Ora ha imparato un’infinità di cose su se stessa, il teatro e il rapporto tre le due entità, come amarena sulla torta di panna montata bianca.

Ha deciso che si iscriverà all’università (appena non sarà più i grado di saltellare in giro) per diminuire l’ignoranza mondiale. Oggi fa spettacoli per adulti e bambini, ogni tanto anche una parte in qualche film rigorosamente indipendente.

Ha più paura e, contemporaneamente, più voglia di sconfiggerla. Si augura di avere sempre fame: di vita, di recitazione, di migliorarsi.

A.C.

https://www.instagram.com/alissila93/