Stasera in tv Detroit di Kathryn Bigelow

Stasera in tv su Rai 5 alle 21,15 Detroit, un film del 2017 diretto da Kathryn Bigelow e scritto da Mark Boal, alla loro terza collaborazione dopo The Hurt Locker e Zero Dark Thirty. Il film narra degli scontri di Detroit del 1967 avvenuti dal 23 al 27 Luglio, scatenati dall’intervento della polizia in un bar privo di licenza; alla fine il risultato fu di 43 morti, 1.189 feriti, oltre 7.200 arresti e più di 2.000 edifici distrutti. Con la direzione della fotografia di Barry Ackroyd, le scenografie di Jeremy Hindle, i costumi di Francine Jamison-Tanchuk e le musiche di James Newton Howard, Detroit rappresenta il terzo tentativo della regista Kathryn Bigelow di presentare eventi controversi e reali unendo dramma, thriller e cinema verité. Con John Boyega, Will Poulter, Algee Smith, Jacob Latimore, Jason Mitchell, Hannah Murray.

Trama
A Detroit nel 1967 è in corso una delle più grandi e più intense rivolte della storia degli Stati Uniti. Due giorni di disordini e la notizia della presenza di armi vicino al motel Algiers spingono la polizia a intervenire ricorrendo a interrogatori sempre più violenti che causeranno morti e feriti.

Sono talmente attuali, universali e fonte di vastissima identificazione, gli aspetti che vengono messi in gioco in Detroit di Kathryn Bigelow, è talmente forte l’urgenza che ne deriva di esprimere la condivisione di ciò che rappresenta, l’insieme di emozioni contrastanti e la difficoltà di canalizzarle in quello che rischia di diventare un fiume di parole non abbastanza esaustivo ed efficace, che diventa paradossalmente difficile scriverne. L’ultima opera della regista americana è stata presentata in prima giornata alla Festa del Cinema di Roma, caratterizzando il festival con un inizio energico e coinvolgente, che ha scosso in modo potente la coscienza interiore collettiva di chi ha partecipato alla proiezione. Il contesto è quello dei drammatici scontri razziali tra forze dell’ordine e cittadini afroamericani che si verificarono a Detroit nel 1967 e che culminarono in una tragica giornata nella quale persero la vita tre persone ad opera della polizia locale. Una cornice estremamente rappresentativa che diventa pretesto ideale per riflettere su temi fondamentali purtroppo propri della condizione umana e manifestantisi in tantissime altre condizioni sociali.

Sono due i principali filoni tematici che emergono dalla messa in scena di questi terribili eventi, dalla quale a loro volta scaturiscono un malessere e una frustrazione profondi, che inducono alla possibilità di riflettere dolorosamente su alcune delle più pericolose e vergognose piccolezze umane. Tematiche che nonostante siano riferite in questo caso specifico a più di mezzo secolo fa, sono purtroppo assolutamente e mestamente attuali: la discriminazione razziale e il gigantesco pericolo insito nell’assunzione di un ruolo di potere. Nonostante siano dei temi appunto universali e fortemente rappresentati nelle più svariate modalità da parte del mezzo cinematografico, Bigelow riesce a gestirli efficacemente in modo da tenere lo spettatore incollato alla sedia per tutte le due ore e mezza della durata del film. Ogni elemento espressivo utilizzato, le inquadrature di esterni frammezzate da pochi e incisivi inserti in bianco e nero, le voci fuori campo riservate all’informazione mediatica, i primi piani serrati, la musica, e soprattutto il linguaggio, concorrono a enfatizzare la gravità e il peso dell’inettitudine umana nel saper distinguere l’individuo, la sua becera e gretta tendenza a categorizzarlo e ghettizzarlo creando distanze incolmabili dalle quali derivano cascate di eventi sempre più atroci e ingiustificabili.

È il breve scambio di battute emblematico che da solo esemplificherebbe tutta l’assurdità della situazione, che intercorre tra un poliziotto bianco e un vigilante di colore, che viene riconosciuto come simile solo perché portatore di una divisa, ma nello stesso tempo gli viene chiesto di “questi negri” senza il minimo riguardo per la sua persona, e soprattutto come se solo perché di quel colore potesse conoscere le intenzioni di una moltitudine intera. Non dare alcun valore all’individualità, ridurre qualsiasi considerazione a masse indistinte di persone che diventano giudicabili e classificabili senza appello in base a parametri sempre più sfumati e non corrispondenti a una realtà che da variegata e costituita da innumerevoli sfumature diventa una nuvola fumosa dalla quale si può trarre qualsiasi conclusione sommaria e pericolosa.

Nei suoi intenti dichiarati, e possiamo dire senza remore, perfettamente riusciti, la regista auspicava di ottenere la massima autenticità e aderenza al periodo storico, di coinvolgere lo spettatore facendogli vivere le vicende narrate in tempo reale, e di fornire una testimonianza scevra da qualsiasi giudizio ma fedele alla realtà. Kathryn Bigelow è effettivamente bravissima nel trasmettere con un’intensità al limite del tollerabile, il senso di impotenza, di devastante frustrazione e di terrore palpabili nelle persone che vengono vessate e letteralmente torturate ingiustamente sulla base della sola superiorità di ruolo che dà il diritto di prevaricare fino a schiacciare e annientare la dignità delle vittime di tali soprusi, tanto da arrivare a sentirsi legittimati nel porre fine alla loro vita. Aberrazione. Indicibile e inconcepibile perversione umana.

 

 

Luca Biscontini