Stasera in tv Grindhouse – Planet Terror di Robert Rodriguez

Stasera in tv su Italia 1 alle 1,05 Grindhouse – Planet Terror (Planet Terror), un film del 2007 scritto e diretto da Robert Rodriguez. Il film è uno dei due segmenti di Grindhouse, omaggio ai film d’exploitation degli anni settanta come Zombi 2 ed Incubo sulla città contaminata. Per i contenuti violenti, gli effetti speciali splatter e le diverse scene di sesso, il film è stato vietato ai minori in paesi come Finlandia, Regno Unito e Paesi Bassi, mentre in Italia è stato vietato ai minori di 14 anni. Mentre per A prova di morte si era scelta una versione estesa rimontata da Quentin Tarantino in occasione del Festival di Cannes, Planet Terror è stato mostrato con il montaggio originale statunitense, includente la bobina mancante ed il fake trailer Machete. Soltanto qualche scena è stata modificata o estesa. Con Freddy Rodriguez, Rose McGowan, Quentin Tarantino, Josh Brolin, Marley Shelton.

Trama
Un esperimento biologico, in cui è coinvolto l’esercito degli Stati Uniti, ha trasformato le persone in zombie: ora tocca a un manipolo di sopravvissuti – tra cui la bella ballerina Cherry Darling – fermare l’infezione o quantomeno trovare una via di fuga.

A Rodriguez venne in mente il soggetto di Planet Terror durante la post produzione di The Faculty: «Ricordo che dissi a Elijah Wood e Josh Hartnett, a tutti questi attori giovani, che i film di zombi erano morti e che non se ne vedevano da un pezzo, ma che io invece pensavo che sarebbero tornati in gran numero perché erano scomparsi da troppo tempo. Dissi loro “Noi dobbiamo essere i primi”. Avevo un copione che avevo iniziato a scrivere. Era di circa trenta pagine, e così dissi loro “Questi sono personaggi che potete interpretare tutti”. Eravamo tutti eccitati all’idea, ma in seguito non seppi cosa farci. Decisi di applicarmi ad altri progetti, accantonai il film di zombi, anche se in faccia avevo quell’espressione del tipo “Ah! So che avrei realizzato il mio film di zombi». La storia venne recuperata quando Tarantino e Rodriguez svilupparono l’idea per Grindhouse.

Nell’idea iniziale di Rodriguez c’erano gli zombi, ma dopo aver incontrato il regista Umberto Lenzi il regista decise di cambiare e optò per ambientare la trama in un mondo dove un’arma batteriologica era stata propagata su larga scala. Nel film vi sono molteplici sequenze che omaggiano pellicole cult d’exploitation riguardanti il contagio e la sopravvivenza, quali Incubo sulla città contaminata di Lenzi e Zombi 2 di Lucio Fulci.

Rodriguez confeziona un film interessante dal punto di vista visivo, con trovate oltremodo originali e una sceneggiatura semplice che coglie lo spirito e l’essenza dei “b-movies” all’americana. Il regista è bravo nel valorizzare le facce giuste e nel dosare la tensione narrativa. Tutto è clamorosamente e volutamente eccessivo e di dubbio gusto, ma manda in visibilio lo spettatore che cerca del sano intrattenimento. Planet Terror è un film deliziosamente vintage, una vera e propria catena di montaggio di citazioni mai fini a loro stesse e un omaggio a un cinema povero e ingenuo, ma ricco di fantasia. La ricostruzione autoriale di un b-movie fantahorror prevede pellicola bruciata e sgranata, falsi trailer e addirittura una “bobina” mancante, che però non pregiudica la comprensione della trama. Immaginazione visiva potente e montaggio scoppiettante.

 

 

Luca Biscontini