Stasera in tv Ladyhawke di Richard Donner, con Michelle Pfeiffer e Rutger Hauer

Stasera in tv su Rete 4 alle 23,30 Ladyhawke, un film di Richard Donner del 1985. La colonna sonora del film è opera di Andrew Powell (con la Philharmonia Orchestra edito dalla Atlantic/Warner), un compositore e orchestratore ben conosciuto per il suo lavoro con Alan Parsons e Eric Woolfson, membri del gruppo The Alan Parsons Project. Il film è stato girato quasi interamente in Italia, nelle province di Cremona, Parma, Piacenza e Massa Carrara, nei boschi del Pontremolese (la troupe soggiornò per alcune settimane in un noto hotel di Pontremoli, ormai chiuso) nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a Pereto (nella Marsica), a Campo Imperatore (in provincia dell’Aquila), dove il falco viene ferito, al Passo Giau (in provincia di Belluno, tra la Valle d’Ampezzo e la Val Fiorentina) e al piccolo lago d’Antorno nelle vicinanze del lago di Misurina nelle Dolomiti. Con Matthew Broderick, Michelle Pfeiffer, Rutger Hauer, Leo McKern, Ken Hutchison, Alfred Molina, John Wood, Giancarlo Prete.

Trama
In Francia, nel XIII secolo, un malvagio vescovo feudale si innamora di Isabella d’Angiò. Ma il cuore della bella appartiene al capo delle guardie Etienne. Il vescovo scaglia una maledizione sui due poveretti: lui è condannato a vagare di notte sotto forma di lupo, lei a trasformarsi in falco durante il giorno. I due amanti sono destinati quindi a non incontrarsi più sotto spoglie umane. Poi Etienne incontra il ladruncolo Philippe che, con l’aiuto del monaco-mago Imperius, salva la vita prima al falco, poi al lupo.

Il giovane ladro Philippe (Matthew Broderick) viene salvato dall’ex capitano delle guardie, l’austero Navarre (Rutger Hauer), che porta sempre con sé uno splendido falcone. Scoprirà che il falco è in realtà la bellissima amata di Navarre, Isabeau D’Anjou (Michelle Pfeiffer): per colpa di un incantesimo, la donna di giorno si tramuta in rapace per riprendere le sue sembianze al tramonto, quando Navarre diventa lupo. Il maleficio può essere spezzato solo uccidendo il malvagio Vescovo (John Wood) che l’ha scagliato per invidia.

Delicato e poetico fantasy immerso in una nebulosa atmosfera medievale, Ladyhawke rappresenta una delle storie d’amore più romantiche e originali degli anni ’80. L’impossibilità dei due amanti di incontrarsi e il loro doversi accontentare di vedere l’altro sotto le spoglie dell’animale in cui viene tramutato commuove sempre, anche a distanza di anni. Si perdonano facilmente le ingenuità dovute a dinamiche vicine alla soap opera, anche perché Richard Donner maneggia la materia con spirito avventuroso. Grazie anche allo charme dei due protagonisti (una splendida e dolente Michelle Pfeiffer e un affascinante Rutger Hauer), il film si è guadagnato lo status di piccolo cult. Girato quasi interamente in Italia, nonostante sia ambientato in una Francia ipotetica. Colonna sonora di ottimo livello di Andrew Powell, collaboratore dei The Alan Parsons Project. Buonismo a palate, un pizzico di anticlericalismo (il Vescovo malvagio è in combutta con Satana) e toni fiabeschi per un intrattenimento di buona qualità.

 

 

Luca Biscontini