Stasera in tv Lasciami entrare di Tomas Alfredson

Stasera in tv su Rai Movie alle 23 Lasciami entrare, un film horror diretto da Tomas Alfredson, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di John Ajvide Lindqvist, che è anche autore della sceneggiatura. Il film ha vinto numerosi premi tra cui un Best Narrative Feature al Tribeca Film Festival. Il film è stato distribuito nelle sale italiane il 2 gennaio 2009. Con Kåre Hedebrant, Lina Leandersson, Per Ragnar, Henrik Dahl, Karin Bergquist, Peter Carlberg, Ika Nord, Mikael Rahm, Karl-Robert Lindgren.

Trama
Oskar è un bambino fragile e ansioso che vive nei sobborghi operai di Stoccolma e che viene regolarmente schiacciato dai compagni di classe. Il suo desiderio di trovare un compagno si realizza quando nella casa a fianco arriva Eli, una sua coetanea piuttosto strana: pallida e seria, esce solo di notte e sembra non soffrire il freddo. Stranamente però l’arrivo di Eli coincide con una serie di morti misteriose: un uomo viene trovato appeso a un albero, un altro in un lago e una donna viene morsa sul collo. Intanto tra i due ragazzini è fiorita un vera amicizia e Oskar sembra aver trovato la forza di reagire alle angherie. Tuttavia inizia a capire quale sia la vera natura di Eli e intuisce che la sua amica dovrà presto abbandonarlo.

“Dimenticate Twilight e qualsiasi altro film di vampiri abbiate mai visto. Lasciami entrare non somiglia a nulla se non forse a Il buio si avvicina di Kathryn Bigeiow (1987), del quale condivide il taglio per così dire realistico e il gusto per il lato più sordido e quotidiano dell’horror, con i personaggi costretti dalla loro natura a complicate e sgradevoli manovre per sopravvivere. (…) Portando sullo schermo il romanzo omonimo e in certo modo autobiografico di John Ajvide Lindqvist (Marsilio), il talentuoso Tomas Alfredson ha tagliato le informazioni e infittito il mistero. (…) In compenso lo schermo si illumina di sentimenti adolescenziali raramente rappresentati con tanta forza e finezza, sfuggendo tanto l’ipocrisia quanto la dittatura del dover-vedere e dover-sapere tutto. Un autentico gioiello, che usa il genere trasfigurandolo in qualcosa di ben diverso (fino a permettersi un’imprevedibile quanto toccante svolta finale). E dal quale si esce turbati come capita di rado.”
(Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 9 gennaio 2009)

“La prima semplificazione da evitare è quella di considerarlo un teen movie; la seconda, di paragonarlo a Twilight, per via dell’amore adolescenziale tra un umano e un vampiro. Già cult, e meritatamente, dopo la tournée per festival internazionali, ‘Lasciami entrare’ non emana fascino solo pen il soggetto (tratto dal romanzo di John Ajvide Lindqvist) ma anche e di più per il modo in cui questo è messo in scena. (…) Un film percorso da una struggente malinconia con strappi improvvisi di violenza ma che, come nel cinema di Haneke, lo spettatore intuisce più che vedere. Così l’orrore è maggiore: come sapeva bene Hitchcock, cosa può spaventarci di più della nostra immaginazione?” (Roberto Nepoti, La Repubblica, 9 Gennaio 2009)

“Una favola gotica di rabbrividente suggestione. (…) Al riparo da qualunque stereotipo, il film è una storia sulle atrocità che talvolta accompagnano l’infanzia. Una storia che ruota intorno al potere, non sempre positivo, dell’amicizia. Il più bel film di vampiri dai tempi di Nosferatu di Herzog.”
(Tommaso Pincio, La Repubblica, 9 Gennaio 2009)

 

Luca Biscontini