Stasera in tv Per qualche dollaro in più di Sergio Leone

Stasera in tv su Rai Movie alle 23,35 Per qualche dollaro in più, un film del 1965, il secondo della cosiddetta trilogia del dollaro (insieme a Per un pugno di dollari, 1964, e Il buono, il brutto, il cattivo, 1966), diretta da Sergio Leone e interpretata da Clint Eastwood. Oltre a Eastwood e a Gian Maria Volonté, protagonisti insieme a Lee Van Cleef, sono presenti diversi attori che avevano preso parte con ruoli secondari al precedente film di Leone, tra i quali Mario Brega, Joseph Egger, Benito Stefanelli, Aldo Sambrell, Antonio Molino Rojo e Lorenzo Robledo. Alcuni di questi saranno presenti anche nell’ultimo film della trilogia. Una pellicola senza tempo della durata di circa due ore e dieci minuti, per il soggetto e la sceneggiatura di Leone, Fulvio Morsella, Luciano Vincenzoni e Sergio Donati. Con le musiche del grande Ennio Morricone e la scenografia di Carlo Simi. Per girare Per un pugno di dollari, Eastwood ricevette quindicimila dollari di compenso e un biglietto in classe economica per arrivare in Italia. Questa volta, l’attore ottenne cinquantamila dollari, un biglietto di prima classe e una piccola percentuale sugli incassi.

Trama
Un cacciatore di taglie, poncho sulle spalle ed eterno sigaro in bocca, si associa con un suo collega, molto più distinto ma altrettanto spietato, per dare la caccia all’Indio. Questi è un feroce fuorilegge che, evaso con l’aiuto dei suoi compari, organizza una rapina alla banca di El Paso. Ma non andrà molto lontano.

“Il mito era fondato. Per un pugno di dollari non era stato il primo western italiano, forse il ventesimo o il trentesimo per stesso calcolo dell’autore, ma aveva stabilito un canone: paesaggio arido e polveroso, tempi dilatati fino all’astrazione, ossessivi rintocchi di morte, villaggi messicani e bounty killers, “aforismi e ponchos”, (poche) parole come pietre roventi della sierra. L’epopea della frontiera si corrompeva nell’allucinazione grottesca, implodeva nella commedia dell’arte, e però avrebbe detto l’autore: Per un pugno di dollari era un western e basta (non un western all’italiana, qualsiasi cosa, comunque lievemente spregiativa, ciò volesse dire), era un film sull’America, e sulla mia giovinezza nel cinema. L’anno dopo, Per qualche dollaro in più (poi campione d’incassi della stagione 1965-66) già poteva fregiarsi di seconda tavola d’un trittico, la ‘trilogia del dollaro’. C’era ancora Clint Eastwood, smilza e ambigua figura del Bene, non più Joe-senza-nome ma il Monco: monco dunque manchevole, ed ecco allora arrivare, a sostenerne il destino, il “nerovestito e volpino” Lee Van Cleef. Insieme, per diverse ragioni, contro una degna incarnazione del Male, Gian Maria Volontè “fumatore di marijuana, assassino dostojevskiano e bandido per scelta esistenziale, profanatore di talami nuziali, il primo vero Orco delle favole leoniane” (questo cattivo si chiama El Indio, come un celebre regista messicano, che di lì a tre anni sarà cattivissimo nel Mucchio selvaggio, il western di tutte le rivoluzioni). Ritorni del rimosso sulle note d’un carillon, spettacolare resa dei conti, campi lunghissimi senza vie di fuga, cadaveri accatastati e poi via, la compagnia si scioglie, il cacciatore di taglie e il vendicatore solitario ognuno per la sua strada, fino al prossimo giro. «Per qualche dollaro in più è Per un pugno di dollari riflesso in un prisma», è trionfo d’una già salda retorica d’autore, ed è un film sull’amicizia virile, come infiniti western classici, e come poi ogni film di Sergio Leone, fino a C’era una volta in America (devo le citazioni tra virgolette a Diego Gabutti, finissimo commentatore leoniano)”.
(Paola Cristalli)

 

 

Luca Biscontini