Stasera in tv su Rai5 alle 21,15 Truman – Un vero amico è per sempre di Cesc Gay

Stasera in tv su Rai5 alle 21,15 Truman – Un vero amico è per sempre, un film del 2015 diretto da Cesc Gay. Il film racconta, attraverso i toni lievi e ironici della commedia, di due amici che si ritrovano dopo tanto tempo in un momento difficile della propria vita, dimostrando come l’amicizia sia più forte di ogni cosa. Vincitore di 5 premi Goya (miglior film, Miglior regista a Cesc Gay, miglior attore protagonista a Ricardo Darín, miglior attore non protagonista a Javier Cámara, migliore sceneggiatura originale a Tomás Aragay), Truman – Un vero amico è per sempre è interpretato da Ricardo Darín, Javier Cámara, Javier Gutiérrez, Dolores Fonzi, Alex Brendemühl, Eduard Fernández, Elvira Mínguez, Nathalie Poza.

Trama
Julián e Tomás, due vecchi amici, si rivedono dopo un lungo periodo in cui si erano persi di vista. Nonostante il tempo trascorso, per loro è come se gli anni non fossero mai passati. Insieme al fedele amico a quattro zampe Truman, vivono alcuni giorni indimenticabili tra risate e ricordi. Ma anche pianti, dal momento che il loro incontro è un addio, teso ad accettare come la morte faccia parte della vita.

La delicatezza con cui Cesc Gay racconta questa semplice e silenziosa storia di amicizia adulta, matura e involata verso l’ultimo saluto, è il segreto dello stato di grazia di Truman, il film che ha giustamente trionfato ai Goya 2016, premiando Javier Cámara e Ricardo Darín come attori, Cesc Gay alla regia e alla sceneggiatura e ovviamente il miglior film. Il regista di Krámpack (2000), En la ciudad (2003), Ficció e Una pistola en cada mano (2012), tra l’altro pellicole tutte vincitrici di riconoscimenti importanti, è tra i nomi più in vista del cinema spagnolo. Defilato, marginale, “catalano”, Cesc Gay ha un suo tocco personale che trionfa per compostezza ed esemplarità proprio in Truman.

Due amici, dei quali uno, Javier Cámara, vive in Canada, si rincontrano dopo tanti anni. L’altro, Ricardo Darín, uno dei più apprezzati attori di lingua spagnola, sobrio, pacato, gentile, umano, è un malato terminale che chiama l’amico per aiutarlo a trovare un padrone per Truman, il suo fedele cane. Questa la base di partenza per digredire poi in vagabondaggi, cene, bevute, sbronze, confessioni, amarezze, gioie, pianti e tutto quello che la vita può regalare nel bene e nel male.

La differenza la fa proprio la regia che sa attutire i colpi duri grazie alla leggerezza di una commedia non urlata che fa della sobrietà la sua chiave di lettura, senza ricattare lo spettatore con sentimentalismi e patetismi commerciali. Allo stesso modo, anche gli attori si adeguano perfettamente al linguaggio scelto e adottato per raccontare questa umanissima e reale storia di amicizia matura. Il gesto attoriale e la recitazione in generale sono sobrie e calibrate, quasi surreali, estranianti, regalandoci uno dei migliori duetti attorici di sempre.

Truman è anche la conferma che il cinema spagnolo, sempre più distribuito in Italia dopo anni di inutili e incomprensibili embarghi, stia diventato agli occhi di tutti, un cinema imprescindibile del panorama europeo. L’unico capace di confrontarsi con il cinema americano, artisticamente, tecnicamente e produttivamente.

 

 

Luca Biscontini