A tutto Vip con la Morris: Dj Miss Jay

Amici di Mondospettacolo, sono Barbara Morris e per la mia rubrica a tutto Vip, intervisterò per voi la bravissima e bellissima Giovanna Butera in arte “DJ Miss Jay”.

Una DJ donna in un mondo che è prevalentemente maschile, come vivi questa situazione?

Con un pizzico d’ironia, hai ragione questo ERA UN MONDO PREVALENTEMENTE MASCHILE, ma ora anche noi donne stiamo spopolando anche in questo e con molto successo.

Senti di essere discriminata a causa della tua esteriorità?

Di sicuro non è facile per molti accettare che una bella donna sia anche brava, sono qui per sfatare questo mito.

Quale genere preferisci suonare?

Io suono house rivisitata mixando vecchi brani, quelli più famosi perché l’arte va sempre riproposta,in qualsiasi forma, l’importante è renderla viva.

A chi dedichi il tuo crescente successo?

A 2 persone: la prima indiscussa è mia madre Patrizia che ovunque io sia, lei aspetta a qualsiasi ora la mia telefonata a fine serata. La seconda ad un amico Manuel, lui si definisce il mio guru, una sera gli confidai d’essere demoralizzata e lui mi diede la giusta carica per non mollare.

Parlaci delle tue collaborazioni importanti.

Il mio primo evento importante lo feci con i Detroit Techno Militia, gruppo conosciuto a livello internazionale,ricordo di loro una cosa rara, che mentre suonavo mi chiesero di continuare, nonostante dovessi lasciare la console per la loro esibizione. Poi in seguito con i JB BROS altro duo molto famoso della musica house, in seguito LOUIE VEGA: artista conosciuto a livello internazionale, il re della musica house, poi con GUE PEQUENO, IL PAGANTE e prossimamente con tante altre novità.

I tuoi progetti futuri?

Suonare all’estero e non credo che sia un sogno lontano. E poi farmi conoscere finalmente tra le DJ più belle e anche brave!

Giovanna, la nostra intervista si conclude qui, a nome mio e di tutta la nostra redazione ti faccio un enorme in bocca al lupo per la tua carriera.

W il lupo e grazie, un saluto a te e a tutti coloro che ci stanno leggendo.

Barbara Morris