Wel Dan – Vivo – Quando la musica ci salva da noi stessi

L’antica arte dell’auto-sabotaggio. Disegnata nel nostro Dna sin dall’alba dei tempi continua col suo instancabile fascino ad insinuarsi nelle vite di anime sensibili. Ma il desidero di sentirsi vivi dona luce e speranza e l’accettarsi risulta possibile e inevitabile. Questo il profondo e intenso messaggio del nuovo singolo di Wel Dan dal titolo, per l’appunto, Vivo. Una vera e propria botta di vita sostenuta da una comprensione introspettiva e cosciente del proprio male che ci porta alla soluzione finale: “vivo, vivo, vivo, vivo, vivo anche senza di te”!

Un arrangiamento fresco e ben strutturato accompagna un testo che trasuda ironia e maturità, un intelligente cocktail da bere tutto d’un fiato. Ma la sete non svanisce e quindi si è costretti a riascoltare questa canzone dai tratti brit-pop con venature cantautorali italiane, il che non guasta affatto. Anzi, dona una musicalità d’altri tempi pur rimanendo estremamente attuale. Una ritmica sostenuta e lineare che accompagna un cantato sbarazzino, ma ammaliante.

C’è un non so che di un Cremonini ispirato nei suoi tempi migliori. Ma l’originalità comunque fa da padrona e ciò rende quest’ultimo lavoro discografico di Wel Dan estremamente accattivante e gustoso. Non è semplice affrontare temi così delicati tramite spensieratezza e personalità espresse sia musicalmente che testualmente e in maniera impeccabile. Melodie martellanti che danzano con una dolce arroganza di un cantato diretto e pulito. Senza troppi fronzoli. Senza estenuanti finzioni. La semplicità è degna figlia prediletta dell’arte. Da segnalare assolutamente gli intriganti versi “la tua assenza è per me / l’unico motivo per cui scrivo e mi addormento la notte / dovrei prenderti a botte”. Una vivace e geniale esternazione di un problema che tormenta molti. Forse l’antica arte dell’auto-sabotaggio potrebbe avere i giorni contati se tutti iniziassimo a cantare a squarciagola Vivo in preda a spasmi di coraggio e consapevolezza. E con ciò consiglio assolutamente l’ascolto tre volte al giorno, prima dei pasti, possibilmente appena svegli, a metà e fine giornata.

Per trovare quello slancio di cui canta Wel Dan che servirebbe per guardarsi meglio allo specchio, senza avere più giramenti di testa o sbandamenti e rendersi conto che quel che si vede è perfetto così com’è: siamo noi e siamo vivi. È tutto ciò che ci occorre. Almeno sino al prossimo singolo di questo promettente cantautore.

Link streaming: https://open.spotify.com/album/1Y6plQFBt298PSKZtK70HI