Le Bellissime di Mondospettacolo: Tokyo Shi

Tokyo Shi, benvenuta su Mondospettacolo, come stai innanzitutto?

Grazie Alex per avermi invitata. Io sto bene anche se la situazione che c’è ora rende un po’ più difficile tutto.

La prima domanda è d’obbligo: come quando e perché hai deciso di diventare una fotomodella?

In realtà non è mai stato nei miei piani. Io sono un’illustratrice e pensavo quella sarebbe stata la mia strada. Poi sono nate una serie di opportunità come fotomodella e mi sono detta perché no? Ho colto l’occasione e mi sono impegnata per portare avanti entrambe le cose. Infatti vedrete delle novità questo nuovo anno…

Tra i tanti servizi fotografici hai scattato per Playboy Italia, che ricordo hai di quella magnifica esperienza?

Per me è stato un grande traguardo. Ricordiamoci che io vengo da una città che non offre molte possibilità, se non nessuna in questo mondo. Ma non è tutto merito mio, un grande grazie va anche al fotografo “Andrea Brugnara” che ha visto in me qualcosa e ha deciso di portarmi da Playboy.

Ti definisci più bambola o più pantera?

Assolutamente bambola, infatti mi chiamano spesso bambolina. Certo, quando serve essere pantera lo sono eccome.

Posi nuda con disinvoltura, quale è il tuo segreto?

Questa è una domanda che mi viene fatta molto spesso. In realtà non c’è nessun particolare segreto, mi viene naturale. Mi piace posare, mi piace calarmi nella parte di Tokyo per quel momento, e mi piace cosa riesco a far trasparire dalle mie foto.

Sei una ragazza molto affascinante e con un grande sex appeal, ma secondo te: sensuali si nasce o si diventa?

Sensuali si diventa. Sta tutto nei modi e negli atteggiamenti, che con il tempo puoi plasmare. Quindi si ci puoi nascere, ma ci puoi anche diventare.

L’esperienza artistica che ancora non hai fatto ma che ti piacerebbe fare?

Mi piacerebbe entrare nel mondo della moda, magari dell’alta moda. Ovviamente sempre come fotomodella. Negli ultimi anni gli standard di bellezza si sono un po’ rivoluzionati, non sono più i classici. Ed era ora. Ma sono davvero così inclusivi come vogliono farci credere? Quante modelle e modelli tatuati avete visto sulle passerelle o sui cataloghi? Davvero pochi, sono eccezioni. Ecco io vorrei far capire che i tatuaggi nel 2020 non sono un limite. I tatuaggi non sono me, sono una mia caratteristica. è ora di fare un passo avanti.

Che cosa vuoi trasmettere a chi guarda le tue foto?

Curiosità. Chi è curioso vuole vederne altre, giusto? A causa delle limitazioni di Instagram io gli scatti migliori li posso postare su Onlyfans, quindi gli abbonati hanno accesso anche a quei contenuti.

Che cosa vorresti ti regalasse il 2021?

La possibilità di poter fare ciò che ho in mente, visto che ora come ora sono impossibilitata dalla situazione. Ma restiamo positivi. Si farà tutto con tempi un po’ più lenti magari.

Un tuo pregio e un tuo difetto

Un mio pregio è che sono determinata. E un mio difetto è che sono testarda, a volte troppo.

Che cos’è sacro per te?

Il tempo. Il mio tempo. E quello che mi viene dedicato.

La più grande paura di Tokyo Shi?

Avere dei rimorsi.

C’è qualcosa di te che cambieresti?

Magari alcuni aspetti del mio carattere sarebbero da temperare, ma alla fine non direi di voler cambiare qualcosa completamente. Esteticamente magari qualche correzione la farei, ma non hanno la priorità in questo momento.

Amicizia, Amore, Famiglia, Lavoro Salute, Sesso e Soldi mettili in ordine di importanza!

Salute – Lavoro – Soldi – Amicizia – Amore – Famiglia – Sesso.

Prima di chiudere: un motto o una frase che più ti rappresenta?

Chi ha tempo non aspetti tempo.

Tokyo Shi, la nostra intervista termina qui, prima di chiudere voglio rinnovarti i miei complimenti ed augurarti un futuro pieno di successo!

Grazie mille. E’ stato un piacere.

Alex Napoleon Wilson