Fedez e J-Ax annunciano il tour ed è già polemica

4


E’ ufficiale, dopo l’enorme successo della scorsa estate, J-Ax e Fedez saliranno per la prima volta insieme sul palco per un tour nei palasport. Ad ospitare la prima tappa di quello che si prospetta un continuo sold out sarà la città di Torino, dove i due rapper si esibiranno il prossimo 11 marzo.
Avrà così inizio la promozione dell’album che uscirà a gennaio, dal quale è stata già estratta la hit Vorrei ma non posto. In scaletta ci saranno i loro successi più i brani scritti insieme.
L’eccitazione per la notizia, ha però lasciato subito spazio alla polemica.
Il motivo? Il costo eccessivamente alto dei biglietti.

3
I prezzi di tutte le date varieranno dai 32 euro fino ai 55 euro per i posti a sedere mentre il parterre costeranno 55 euro. Ad irritare i fan non sono però stati questi prezzi quanto, piuttosto, quelli dei pacchetti Meet&Greet e Souncheck&Greet, per i quali bisognerà rispettivamente spendere 200 e 100 euro.
Il primo includerà: un biglietto Parterre A non numerato con accesso anticipato al luogo dell’evento, un meet&greet esclusivo con Fedez&J-Ax prima o dopo lo show, una foto digitale che sarà scattata in gruppo con altri fan (gruppi da 6 o da 4 per foto), ospitalità dedicata, merchandising esclusivo e pass commemorativo da collezione.
Mentre il secondo: un biglietto Parterre A non numerato, ingresso anticipato al luogo dell’evento per il soundcheck degli artisti, merchandising esclusivo e pass commemorativo.

2
Ad alimentare le polemiche, la risposta, da molti considerata infelice, lasciata da J-Ax sul suo profilo facebook: “Vorrei ricordare a tutti che questo è un tour nei palazzetti, insieme a Fedez, sono cioè due spettacoli in uno. Il mio ultimo tour, il bello d’esser brutti, costava 30 euro, questo nuovo tour parte da 32 euro. Sì ci sono i meet&greet e altri pacchetti e costano di più e non tutti se li possono permettere, ma è proprio grazie a questi pacchetti se il nostro show può mantenere un prezzo di partenza accessibile a più persone. Se non potete pagare il prezzo per incontrarmi basta fare un fischio quando mi vedete in giro, è gratis e non ho mai negato un selfie e una parola a nessuno”.
E nel bel mezzo del caos mediatico, una domanda sorge spontanea: questi Meet&Greet si riveleranno un’ottima strategia di marketing o una pessima idea senza seguito?

Sabrina Lanzillotti